UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

EURO Under 21 2000: Pirlo trascina gli Azzurrini


La gioia di Pirlo
La gioia di Pirlo ©Getty Images

Repucblica Ceca - Italia 1-2
(Došek 51'; Pirlo 42' 81')
Tehelné Pole, Bratislava

Andrea Pirlo si presenta sulla scena internazionale con due gol che contribuiscono al quarto titolo continentale in cinque anni dell’Italia a livello di Under 21, grazie al successo per 2-1 a Bratislava contro la Repubblica Ceca.

Slovacchia dietro l’Italia
È un torneo che vede subito protagonista, nel bene e nel male, il 21enne fantasista: subito in gol, dal dischetto, nell’esordio vittorioso per 2-0 contro l’Inghilterra, e poi espulso nell’1-1 contro i padroni di casa della Slovacchia, due giorni più tardi. Gli Azzurrini possono permettersi di rinunciare a Pirlo nella sfida conclusiva del Gruppo B contro la Turchia, vinta 3-1 e sufficiente per accedere in finale grazie alla differenza reti. La Slovacchia deve invece accontentarsi del secondo posto nel girone, davanti all’Inghilterra. Gli inglesi travolgono 6-0 la Turchia (a segno anche Frank Lampard e Ledley King), ma restano a secco contro i padroni di casa, che vincono 2-0 e vanno avanti nel torneo.

MIGLIOR GIOCATORE DEL TORNEO: ANDREA PIRLO

Spagna terza
Al pari dell’Italia, anche la Repubblica Ceca arriva alla finale imbattuta, e soltanto un gol in extremis di Albert Luque nella gara d’esordio del Gruppo A contro la Spagna le nega di arrivarci a punteggio pieno. La Repubblica Ceca si riscatta superando l’Olanda a Trencin con una doppietta di David Jarolím, poi Milan Baroš partecipa al festival del gol che vede i cechi prevalere 4-3 sulla Croazia e vincere il girone. La Spagna supera l’Olanda nell’ultima sfida, ma il precedente pareggio contro la Croazia costringe gli iberici ad accontentarsi del secondo posto e quindi di giocare la finalina per il terzo posto contro la Slovacchia, vinta 1-0.

Pirlo mattatore
Si arriva così alla finalissima e al gran giorno di Pirlo. Gli Azzurrini, con in campo gente del calibro di Gennaro Gattuso, Christian Abbiati, Cristiano Zanetti, Francesco Coco e Roberto Baronio, spezzano l’equilibrio al 42’, con un rigore di Pirlo. Tomáš Došek fa esplodere i 12.000 tifosi sugli spalti accorsi da oltre confine quando pareggia a inizio ripresa, ma ci pensa ancora Pirlo ad ammutolire lo stadio con uno splendido calcio di punizione da 25 metri, a nove minuti dallo scadere, che sarebbe presto diventato il suo colpo preferito.