UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Dimarco festeggia con tutta la squadra

"Siamo un gruppo e quando vinciamo lo facciamo tutti insieme", commenta Federico Dimarco dopo la vittoria dell'Italia contro l'Inghilterra, mentre i Ct Paolo Vanoli e Aidy Boothroyd parlano di una partita equilibrata decisa da due calci piazzati.

Rivivi il successo sull'Inghilterra che ha permesso agli Azzurrini di tornare protagonisti della finale Under 19 per la prima volta dal 2008.
Highlights: England 1-2 Italy

Federico Dimarco, terzino sinistro Italia
È una grande vittoria per tutti noi: siamo un gruppo e quando vinciamo lo facciamo tutti insieme.

Ci alleniamo molto sui rigori, tutti quanti. Per quanto riguarda la punizione, ero sulla palla con [Manuel] Locatelli, che era in posizione centrale. Abbiamo visto che il portiere stava da una parte, quindi ho deciso di tirare io dall'altra.

Ho imparato molto dalla finale Under 17 [2013, persa dall'Italia ai rigori contro la Russia]. Voglio ringraziare tutti i compagni perché, anche se ho segnato io, il merito è di tutta la squadra. Siamo in finale e faremo del nostro meglio per vincere.

Guardo Jordi Alba e, andando un po' più indietro, Roberto Carlos: li studio e cerco di giocare come loro.

Paolo Vanoli, Ct Italia
Abbiamo classe e l'abbiamo dimostrato. Essendo un torneo di alto livello, alla fine non hai molte occasioni: quelle poche che hai le devi sfruttare.

Dimarco è stato costretto a uscire, ma credo che ci sarà in finale. Forse ha festeggiato troppo i gol! È un difensore dalle grandi qualità tecniche. Quest'anno ha giocato in serie B [in prestito all'Ascoli] e ha fatto molto bene. Dimostra che le qualità fisiche non sono la cosa più importante, contano quelle tecniche.

È una vittoria per tutta la squadra. È molto importante, perché fa capire ai nostri club che abbiamo giovani di talento che devono avere la possibilità di giocare.

Aidy Boothroyd, Ct Inghilterra
Ovviamente siamo molto delusi. Abbiamo giocato come nelle altre partite, ma sono i gol che ti fanno vincere e abbiamo perso contro un'Italia molto organizzata. Spero che quella di oggi sia una buona lezione per tutta la squadra. Perdere in semifinale ti può insegnare molto.

Paolo Vanoli in conferenza stampa dopo la partita
Paolo Vanoli in conferenza stampa dopo la partita©Sportsfile

Forse il migliore in campo è stato il loro portiere. Ha parato bene e qualche volta è stato un po' fortunato, mentre noi non siamo stati precisi come al solito. Direi che il risultato è dovuto a questi tre fattori.

[Il secondo gol dell'Italia] è arrivato con una punizione fantastica. Partite come questa, con due buone squadre, vengono spesso decise da errori e calci piazzati. Oggi ne abbiamo concessi due, ma non sarò l'ultimo allenatore a uscire deluso dopo una partita contro l'Italia. Sapevamo anche prima che era forte. Complimenti a loro e in bocca al lupo per la finale.

Raggiungere una semifinale, con le squadre che ci sono qui, è già un'impresa. Andremo in Coppa del Mondo [Under 20 nel 2017] ed è bellissimo, ma ovviamente cercheremo di fare meglio.