Piscedda sprona gli Azzurrini

Dopo gli alti e bassi delle ultime stagioni il Ct dell’Italia Under 19 è fiducioso sulle possibilità della sua squadra di fare bene nella fase finale dell’Europeo.

Piscedda sprona gli Azzurrini
©Getty Images

L’andamento dell’Italia nel Campionato Europeo Under 19 UEFA è altalenante: campione d’Europa nella seconda edizione nel 2003; finalista due anni fa, sconfitta dalla Germania; eliminata nella fase di qualificazione nel 2008/09; e, in ogni caso, soltanto alla quarta presenza in una fase finale compresa l’edizione attuale. Il Ct Massimo Piscedda ha condotto la squadra verso la fase finale grazie a una serie di ottime prestazione, ed è ottimista sulle possibilità degli Azzurrini di “fare bella figura” in Francia.

UEFA.com: L’Italia è nel Gruppo B con Portogallo, Croazia e Spagna. Come giudica il sorteggio?

Massimo Piscedda: Entrambi i gruppi sono composti da squadre con buone possibilità di accedere alle semifinali. Più che il girone conterà arrivare al torneo nelle migliori condizioni psico-fisiche possibili.

UEFA.com: Cosa si aspetta dalle partite della fase a gironi?

Piscedda: Affrontiamo tre squadre molto forti a livello giovanile e guidate da ottimi allenatori. Sappiamo di giocare tre partite impegnative, ma siamo fiduciosi.

UEFA.com: Quali sono le ambizioni per il torneo?

Piscedda: Naturalmente puntiamo a vincere, ma tutte le squadre partono alla pari. Vogliamo sicuramente giocare bene e finire nelle prime sei squadre della classifica finale in modo da qualificarci per il Mondiale [Under 20 FIFA] del prossimo anno. Quello è il primo obiettivo.

UEFA.com: La sua squadra si è qualificata con una partita di anticipo vincendo le prime cinque gare. Questo vi dà molta fiducia?

Piscedda: La squadra è stata molto solida per tutta la fase di qualificazione. La fase d’élite in Russia è stata impegnativa ma l’abbiamo superata, e questo è importante.

UEFA.com: Dopo aver mancato la fase finale un anno fa, cosa significa per l’Italia essere qui questa volta?

Piscedda: È molto importante per i nostri giocatori partecipare a questo torneo. Hanno un’età critica, in cui stanno per compiere il salto dal calcio giovanile a quello in prima squadra, ed è fondamentale che facciano quanta più esperienza possibile.

In alto