UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Supercoppa UEFA: De Jong sulla marcia verso Budapest

Maestro dei colpi di testa, Luuk de Jong non ha paura della sfida col Bayern: "Se c'è anche una sola possibilità, la sfrutteremo".

Luuk de Jong dopo la vittoria del Siviglia in finale di UEFA Europa League contro l'Inter
Luuk de Jong dopo la vittoria del Siviglia in finale di UEFA Europa League contro l'Inter UEFA via Getty Images

Dopo aver mantenuto una media gol incredibile nelle cinque stagioni al PSV Eindhoven, Luuk de Jong ha faticato un po' di più dal trasferimento al Siviglia, in Spagna lo scorso anno. Tuttavia il centravanti 30enne ha dimostrato tutto il suo valore nella finale di UEFA Europa League di agosto, segnando due gol di testa nella vittoria per 3-2 sull'Inter a Colonia.

L'olandese adesso ha la possibilità di tornare a giocare in UEFA Champions League ma prima potrà dimostrare il suo talento contro il Bayern nella finale di Supercoppa UEFA a Budapest, quando proverà ancora una volta a sfruttare il tempismo nel gioco aereo ereditato dai suoi genitori, ex nazionali di pallavolo.

Sulla Supercoppa UEFA

Guarda tutti i gol del Bayern nella Champions League 2019/20
Guarda tutti i gol del Bayern nella Champions League 2019/20

Quando sono passato al Siviglia dal PSV, il mio desiderio era vincere. Non avrei mai nemmeno sognato di raggiungere tutto ciò. Adesso che siamo arrivati a giocarci la finale di Supercoppa contro il Bayern, daremo di tutto per vincere anche se sappiamo che non sarà facile contro una squadra così forte. Il loro punto di forza è il gioco di squadra, la capacità di recuperare, di spostarsi rapidamente quando perdono il possesso o lo conquistano, di correre per aprire gli spazi per i compagni.

Se il Bayern è favorito? Naturalmente. Tutto però può succedere perché è una partita secca e dobbiamo essere pronti. Siamo all'inizio della stagione - forse stanno ancora cercando la loro migliore formazione. La speranza è quella di trovare un punto debole da sfruttare a nostro vantaggio. Sarà molto difficile, ma se c'è una possibilità, bisogna approfittarne.

Sui gol in finale di Europa League contro l'Inter

Highlights: Siviglia - Inter 3-2
Highlights: Siviglia - Inter 3-2

[Nel primo] Suso era col pallone al limite dell'area e io mi sono spostato sul palo opposto. Poi l'ha passata sulla corsia esterna e io mi sono messo dietro il mio marcatore diretto. Non appena [Jesús] Navas ha preso palla e l'ha crossata al centro, io ho anticipato il movimento sul primo palo. Ho fatto un bel taglio che mi ha smarcato e mi ha permesso di colpirla bene di testa. [Nel secondo] ho fatto segno a [Éver] Banega di mettere il pallone sul palo opposto [rispetto al punto di battuta]; ho fatto uno scatto su quel palo e ho raccolto il suo cross perfetto di testa indirizzandola nell'altro palo con un piccolo movimento all'indietro. Amo questi colpi di testa.

Qual è il mio segreto nei colpi di testa? I miei genitori sono stati entrambi nazionali di pallavolo. Loro avevano un ottimo tempismo nei salti ed erano in grado di colpire il pallone in aria nel momento giusto. Credo di aver ereditato il loro tempismo e di averlo sviluppato negli anni. È tutta una questione di tempismo, di potenza nel salto... un mix che diventa micidiale nei colpi di testa.

Sulla vittoria della finale

Tutti i gol del Siviglia nel trionfo del 2020
Tutti i gol del Siviglia nel trionfo del 2020

È stata una fantastica esplosione di emozioni. Per una società come il Siviglia, che aveva già vinto cinque volte, anche la sesta volta è stata fantastica, sebbene sia stata una stagione strana per i giocatori. Non abbiamo giocato per tre mesi, e poi ovviamente dispiace quando vinci e non ci possono essere i tuoi tifosi a festeggiare con te. Ma è comunque un trofeo fantastico quello che abbiamo vinto insieme, e credo che i tifosi abbiano ugualmente esultato tantissimo.

Come ci si sente ad aver fatto la storia del club? È successo tutto così in fretta, anche dopo la partita. Abbiamo alzato la coppa e dopo siamo andati in vacanza. Sono tornato a casa e lì tutto è tornato alla normalità. Credo che realizzerò più in là di aver scritto un pezzo di storia con un grande club.

Sulla qualificazione in UEFA Champions League

De Jong ha giocato in Champions League con Twente e PSV
De Jong ha giocato in Champions League con Twente e PSV©Getty Images

Ho giocato in Champions League con Twente e PSV. Entrare in campo e ascoltare l'inno della Champions League è una sensazione speciale. Sogni di giocare a questi livelli e adesso col Siviglia penso che possiamo di nuovo fare bene.

Abbiamo una squadra forte, come dimostrato la scorsa stagione. Siamo arrivati quarti a pari punti con l'Atlético Madrid. Siamo riusciti a giocarcela contro le squadre più forti. Abbiamo vinto l'Europa League contro una'ottima squadra. Quindi sì, siamo una squadra forte, ma ci sono molti grandi club con budget molto più alti e squadre migliori. Con la nostra squadra attuale possiamo fare grandi cose. Dobbiamo continuare a crescere. Dove possiamo arrivare è difficile da dire ma ho ottime sensazioni.