UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Bruno Fernandes parla del Siviglia e della stagione allo United

"Posso ancora migliorare", commenta l'attuale capocannoniere della UEFA Europa League prima della semifinale contro il Siviglia.

Bruno Fernandes In allenamento prima della sfida contro il Siviglia
Bruno Fernandes In allenamento prima della sfida contro il Siviglia

Approdato dallo Sporting CP durante la sosta invernale, Bruno Fernandes ha dato una svolta tanto impercettibile quanto risolutiva al gioco del Manchester United, offrendo più potenza e incisività a centrocampo. Inoltre, ha concluso la Premier League con otto gol e sette assist in sole 14 partite.

Ma le statistiche in UEFA Europa League del venticinquenne centrocampista sono ancora più ragguardevoli: con sette gol tra Sporting e United, è l'attuale capocannoniere della competizione. Tuttavia, come racconta prima della semifinale di domenica contro il Siviglia, preferirebbe la coppa ai titoli individuali.

Sulla sfida contro il Siviglia semifinale

Guarda i gol di Bruno Fernandes in Europa League
Guarda i gol di Bruno Fernandes in Europa League

La cosa più importante è avere la mentalità giusta. Dobbiamo capire che ogni partita è a eliminazione diretta: se non vinciamo, usciamo. [Ai quarti contro il Copenhagen] eravamo troppo nervosi perché sapevamo che dovevamo partire forte.

[Il Siviglia] è abituato a questi tornei e alle fasi finali. Sappiamo che l'inizio della partita sarà molto importante perché i primi minuti sono cruciali. Dobbiamo cominciare meglio rispetto alla gara contro il Copenaghen.

Sul suo dinamismo

Tutto pronto per la sfida tra Siviglia e United
Tutto pronto per la sfida tra Siviglia e United

È istinto. Negli anni, grazie al mio ruolo, ho sviluppato la capacità di muovermi e di anticipare il gioco. Quando perdiamo palla, cerco di essere il primo a reagire e chiamo gli altri giocatori in attacco per riconquistarla. Per quanto riguarda me, devo costruire la manovra e passare la palla ai miei compagni per farli segnare.

Forse posso migliorare negli assist: ne ho fatti un po', ma posso fare di più perché davanti abbiamo qualità.

Sul suo posto allo United

Bruno Fernandes e Ole Gunnar Solskjær
Bruno Fernandes e Ole Gunnar Solskjær

Il mister è stato molto chiaro [quando sono arrivato]. Mi ha detto di non aver paura, di rimanere me stesso, che sapeva perfettamente perché mi aveva voluto e che sapeva di cosa ero capace. Dovevo continuare a rischiare, avere la stessa mentalità che avevo allo Sporting e dare istruzioni in campo.

Aver giocato in Italia è stato molto utile. Sono andato via dal Portogallo giovanissimo [è arrivato al Novara prima dei 18 anni] e dovevo lasciare il segno, contro tutti e tutto. [Giocare nel Novara, nell'Udinese e nella Sampdoria] mi ha aiutato a crescere e a diventare più maturo: questo mi ha permesso di ambientarmi più facilmente.

Al Manchester United sono stati tutti straordinari. Ho avuto la fortuna di giocare la prima partita di campionato, poi c'è stata la sosta a febbraio e siamo andati per un breve periodo a Marbella, dove ho potuto conoscere meglio le idee del club e del mister. Ho anche conosciuto meglio i miei compagni. Li avevo visti giocare, ma ho osservato meglio le loro qualità e ho capito che cosa potevo fare per dare una mano alla squadra.

Sul primo posto nella classifica cannonieri di Europa League 2019/20

Se arrivasse insieme alla coppa, sarebbe perfetto.