UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Sarri: "Vogliamo dare una gioia ai tifosi"

L'esordio nella fase a gironi sarà la prima volta del Napoli contro il Bruges, e la prima di Maurizio Sarri in Europa. Il tecnico è a caccia della prima vittoria stagionale sulla panchina azzurra: "Vogliamo arrivare fino in fondo".

Maurizio Sarri
Maurizio Sarri ©Getty Images

L'esordio stagionale nella fase a gironi di UEFA Europa League sarà la prima volta del Napoli contro il Bruges, e la prima volta in Europa di Maurizio Sarri, a caccia della prima vittoria stagionale sulla panchina azzurra.

 

"Emozionato? Sono molto concentrato sulla squadra, non ho pensato all’emozione", si schermisce lui nella tradizionale conferenza stampa della vigilia. Poi traccia l’obiettivo: "L’Europa League è una competizione strana e difficile, basta pensare che ci sono otto squadre che entreranno in corsa tra sei mesi, non si sanno neanche i partecipanti. Quindi ora mi concentrerei solo sul nostro girone e pensare di fare bene in quello, le nostre forze vanno indirizzate a passare il turno il meglio possibile".

 

Contro l’avversario sulla carta più ostico del gruppo, Sarri farà ricorso al turnover ma con moderazione, schierando un undici molto vicino a quello che ha cominciato le prime tre partite di campionato. Il tecnico si affida dunque all’ossatura delle sue stelle, a cominciare da Pepe Reina, pronto ad agganciare Van der Saar e Shevchenko a quota 143 presenze europee, al decimo posto nella classifica assoluta delle presenze in Europa.

 

In difesa potrebbe ritrovare posto sulla fascia Faouzi Ghoulam, mentre al centro scalpita Kalidou Koulibaly. A centrocampo chance da titolari per David López e Jorginho, mentre in attacco saranno José Callejón e Dries Mertens ad affiancare Gonzalo Higuaín in un inedito 4-3-3. 

 

"Fare dei buoni risultati aiuta notevolmente a crescere - continua Sarri - Ora è più giusto concentrarsi sulle prestazioni e non sui risultati. Ci manca continuità, in tutte e tre le gare giocate ci sono stati sprazzi di gara in cui sembravamo una squadra forte, ma ci abbiamo messo anche qualcosa di negativo e a livello di episodi non siamo stati fortunati. Dobbiamo lavorare". 

 

Guarda al futuro con ottimismo anche il belga Mertens, che contro il Bruges ritroverà tanti compagni di nazionale: "Li conosco bene, è una squadra molto insidiosa. Se indovina la giornata giusta può esprimersi al top e mettere in difficoltà chiunque. Saranno carichi per disputare una grande gara al San Paolo, ma noi siamo altrettanto concentrati e pronti per dare una gioia ai nostri tifosi".

 

L’obiettivo finale è migliorare il piazzamento dell’anno scorso: "Vogliamo vincere l’Europa League. L’anno scorso abbiamo sfiorato la finale e ora vogliamo arrivare fino in fondo".