UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Mazzarri: 'Bravi a trovare la forza per rialzarci'

A Bucurest, il Napoli vede le streghe, sfodera gli artigli e acciuffa il pareggio solo all'ultimo assalto per la soddisfazione del tecnico: "La batosta iniziale avrebbe messo in ginocchio qualsiasi squadra".

Mazzarri: 'Bravi a trovare la forza per rialzarci'
Mazzarri: 'Bravi a trovare la forza per rialzarci' ©Getty Images

Un altro pareggio. Ben diverso dallo scialbo 0-0 casalingo contro l'FC Utrecht. Nella tana dell'FC Steaua Bucureşti, l'SSC Napoli vede le streghe, sfodera gli artigli e acciuffa il pareggio solo all'ultimo assalto, undici contro dieci per un'ora complice la folle espulsione del greco Pantelis Kapetanos.

Sotto di tre gol dopo sedici minuti, così, Walter Mazzarri non può che commentare con soddisfazione il 3-3 finale che tiene il Napoli in carreggiata nel girone, secondo alle spalle del Liverpool FC capolista: "La batosta iniziale avrebbe messo in ginocchio qualsiasi organico, anche quello più blasonato. Noi, invece, abbiamo trovato la forza di rialzarci e rimettere in pari il risultato", dice sfoderando l'orgoglio.

A chi chiede spiegazioni sulla scelta di tenere inizialmente a riposo le stelle Marek Hamšík e Ezequiel Lavezzi, poi decisivi nella ripresa, l'allenatore toscano risponde deciso: "Devo preservare le energie dei ragazzi e ben distribuirle nelle diverse competizioni", spiega. Alza anche la voce, come volesse giustificarsi: "Parlate con gli esperti, medici o preparatori che siano. Fatevi dire cosa può accadere quando un giocatore è sottoposto a continui impegni a distanza ravvicinata: c’è il rischio di infortuni muscolari e io ne so qualcosa ché alla Samp persi Angelo Palombo. Nel Napoli l’unico che finora ha avuto problemi del genere è Paolo Cannavaro, uno di quelli che ha giocato di più. Per fortuna non è nulla di grave...".

Non cerca alibi, il tecnico. E analizza l'andamento altalenante del match e dei suoi: "Il nostro obiettivo era quello di schierare una squadra quadrata che riuscisse a portare a casa bottino pieno. Gli intenti, però, sono saltati del tutto dopo i due gol che ci hanno rifilato nei primi dieci minuti. La squadra era frastornata..."

Applaude la reazione anche Hamšík, grande protagonista con il gol del 3-2 che ha alimentato le speranze di rimonta: "Ho scaricato tanta rabbia in quel tiro perché i tre gol subiti erano stati tre schiaffi ingiusti. Il mio gol bello e importante? Lo è stato di più quello di Edinson Cavani".

Felice anche Nicolao Dumitru, attaccante in erba lanciato nella mischia da Mazzarri per il forcing finale: "La squadra è stata straordinaria, non potevamo perdere dopo una reazione così. il mio inserimento nel gruppo è durato pochissimo, sono tutti ragazzi splendidi. Per me è un sogno giocare con calciatori di questo calibro".