Quarti di finale - 22/06/2008 - 20:45CET (20:45 ora locale) - Ernst-Happel-Stadion - Vienna
0-0
Spagna vince 4-2 ai rigori 

Spagna - Italia 0-0 - 22/06/2008 - Pagina della partita - UEFA EURO 2008

Il sito ufficiale del calcio europeo

Rigori amari, Italia eliminata

Pubblicato: Domenica, 22 giugno 2008, 22.30CET
Spagna - Italia 0-0 (4-2 dcr)
Non bastano 120 minuti per sbloccare il risultato tra Azzurri e Spagna: dal dischetto si impongono le Furie Rosse.
di Marco Calabresi
Rigori amari, Italia eliminata
Iker Casillas (Spain) ©Getty Images

Statistiche partite

SpagnaItalia

Gol segnati0
 
0
Tiri nello specchio7
 
5
Tiri fuori15
 
5
Calci d'angolo8
 
3
Falli commessi26
 
25
Cartellini gialli3
 
1
Cartellini rossi0
 
0

Classifiche

Pubblicato: Domenica, 22 giugno 2008, 22.30CET

Rigori amari, Italia eliminata

Spagna - Italia 0-0 (4-2 dcr)
Non bastano 120 minuti per sbloccare il risultato tra Azzurri e Spagna: dal dischetto si impongono le Furie Rosse.

Dopo 24 anni, la Spagna torna tra la prime quattro d’Europa. La squadra di Luis Aragonés supera l’Italia ai rigori e conquista la semifinale di UEFA EURO 2008™: allo stadio Ernst Happel di Vienna non bastano 120 minuti per schiodare lo 0-0, ma la lotteria dagli undici metri premia le Furie rosse, che giovedì se la vedranno contro la Russia. Decisivi gli errori dal dischetto di Daniele De Rossi e Antonio Di Natale, “ipnotizzati” da Iker Casillas.

Quarto impegno agli Europei, quarta formazione diversa per Roberto Donadoni, che si affida per quattro undicesimi a giocatori dell’AS Roma: Simone Perrotta agisce dietro Antonio Cassano e Luca Toni, mentre Alberto Aquilani e Massimo Ambrosini sono schierati ai lati di De Rossi al posto degli squalificati Andrea Pirlo e Gennaro Gattuso. Aragonés punta sulla vena realizzativa di Fernando Torres e del capocannoniere David Villa, autore di quattro reti nella fase a gironi.

In avvio, di occasioni da rete neanche l’ombra: è evidente come le due formazioni preferiscano non scoprirsi. Difese bloccate e pochi spazi per gli attacchi di Toni e Cassano da una parte, Villa e Torres dall’altra. La Spagna insiste con un possesso palla continuo, ma il merito dell’Italia è quello di non scomporsi. Cassano prova a illuminare il gioco italiano, arrivando spesso a prendersi il pallone nella propria metà campo, ma la prima azione degna di nota (18’) arriva quando, su un cross da sinistra di Ambrosini, Perrotta si inserisce e colpisce di testa, non creando però problemi a Casillas. Le Furie Rosse rispondono sei minuti più tardi con un calcio di punizione di Villa, ben bloccato a terra da Gianluigi Buffon.

Lo stesso estremo difensore azzurro dice di no a un sinistro dalla lunga distanza di David Silva alla mezz’ora. La Spagna prova ad alzare il ritmo, risultando però sterile negli ultimi venti metri. Anche Toni, dopo una prima fase vissuta nella morsa della difesa spagnola, prova ad accendersi, ma sul traversone di Cassano è fortunato il salvataggio di Carlos Marchena, che arriva sessanta secondi prima dell’azione più pericolosa di marca spagnola, un tentativo dalla distanza di Silva, con la sfera che accarezza il palo alla destra di Buffon.

A inizio ripresa il tema tattico non cambia: nessuna delle due squadre si azzarda ad alzare il ritmo, anche se l’Italia, almeno sulla fascia sinistra, sembra godere di qualche metro in più di libertà. Inizia la serie di mosse da parte dei due tecnici: nell’Italia dentro Mauro Camoranesi per Perrotta, Aragonés risponde con Santi Cazorla per Andrés Iniesta e Cesc Fàbregas per Xavi Hernàndez. Proprio il neoentrato Camoranesi, in mischia, calcia a botta sicura, ma è straordinario il riflesso di Casillas, che respinge con i piedi.

Al 70’ è ancora Toni, alla ricerca del primo gol agli Europei e ben imbeccato da Gianluca Zambrotta, a cercare di dare la scossa: l’attaccante del FC Bayern München non riesce a schiacciare il pallone verso lo specchio della porta. Entra anche Di Natale, che prende il posto di Cassano, esausto dopo un’ora giocata a ritmi altissimi. I supplementari si avvicinano, anche perché il calcio di punizione di Marcos Senna trova la risposta con i pugni di Buffon. Ben più pericoloso il destro dalla distanza dello stesso centrocampista spagnolo, anche perché Buffon, tutt’altro che impeccabile, rischia di combinarla grossa: il portiere azzurro ringrazia il palo, che gli evita una figuraccia.

Nel primo extra-time è il solito Silva a rappresentare la minaccia numero uno per l’Italia: il suo sinistro, quando sul cronometro sono trascorsi soltanto due minuti, va a colpire il palo di sostegno della porta di Buffon, facendo correre un brivido sulla schiena dei tifosi Azzurri. L’Italia è comunque viva, e lo dimostra il gran colpo di testa di Di Natale, sul quale ci vogliono un balzo felino e la deviazione con la punta delle dita di Casillas. Sempre di testa, Toni prova a girare il pallone sul primo palo senza fortuna.

Anche in prospettiva rigori, Donadoni si gioca la carta Alessandro Del Piero, al posto di Aquilani. Proprio all’ultimo istante, il tiro cross di Cazorla non trova nessuno pronto alla correzione in rete: anche i supplementari scorrono via, si va ai calci di rigore. Il primo errore è di De Rossi, Senna porta momentaneamente in vantaggio la Spagna. Buffon rimette in carreggiata l’Italia sul penalty di Daniel Güiza, ma l’errore di Di Natale ristabilisce le distanze. Fàbregas non sbaglia: esplode la festa spagnola. L’Italia è eliminata. A distanza di due anni, i calci di rigore si sono rivelati fatali.

Ultimo aggiornamento: 02/02/12 17.09CET

http://it.uefa.com/uefaeuro/season=2008/matches/round=15094/match=301702/postmatch/report/index.html#rigori+amari+italia+eliminata

Formazioni

Spagna

Spagna

Italia

Italia

1
CasillasIker Casillas (PO) (C)
1
BuffonGianluigi Buffon (PO) (C)
4
MarchenaCarlos Marchena
2
PanucciChristian Panucci
5
PuyolCarles Puyol
3
GrossoFabio Grosso
6
IniestaAndrés Iniesta
Yellow Card11
Substitution59
4
ChielliniGiorgio Chiellini
7
VillaDavid Villa
Yellow Card72
9
ToniLuca Toni
8
Xavi HernándezXavi Hernández
Substitution60
10
De RossiDaniele De Rossi
9
TorresFernando Torres
Substitution85
13
AmbrosiniMassimo Ambrosini
Yellow Card31
11
CapdevilaJoan Capdevila
18
CassanoAntonio Cassano
Substitution75
15
RamosSergio Ramos
19
ZambrottaGianluca Zambrotta
19
SennaMarcos Senna
20
PerrottaSimone Perrotta
Substitution58
21
David SilvaDavid Silva
22
AquilaniAlberto Aquilani
Substitution108 Supp.

sostituti

13
PalopAndrés Palop (PO)
14
AmeliaMarco Amelia (PO)
23
ReinaPepe Reina (PO)
17
De SanctisMorgan De Sanctis (PO)
2
AlbiolRaúl Albiol
5
GamberiniAlessandro Gamberini
3
Fernando NavarroFernando Navarro
7
Del PieroAlessandro Del Piero
Substitution108 Supp.
10
FàbregasCesc Fàbregas
Substitution60
11
Di NataleAntonio Di Natale
Substitution75
12
Santi CazorlaSanti Cazorla
Substitution59
Yellow Card112 Supp.
12
BorrielloMarco Borriello
14
Xabi AlonsoXabi Alonso
15
QuagliarellaFabio Quagliarella
16
Sergio GarcíaSergio García
16
CamoranesiMauro Camoranesi
Substitution58
17
GüizaDaniel Güiza
Substitution85
23
MaterazziMarco Materazzi
18
ArbeloaÁlvaro Arbeloa
20
JuanitoJuanito
22
De la RedRubén de la Red

Allenatore

Luis Aragonés Suárez (ESP) Roberto Donadoni (ITA)

Arbitro

Herbert Fandel (GER)

Assistenti

Carsten Kadach (GER), Volker Wezel (GER)

Quarto arbitro

Frank De Bleeckere (BEL)

Legenda:

  • RetiReti
  • AutogolAutogol
  • RigoriRigori
  • Rigori sbagliatiRigori sbagliati
  • reds_cardCartellini rossi
  • yellow_cardsCartellini gialli
  • yellow_red_cardsDoppia ammonizione
  • SostituzioneSostituzione