UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Schweinsteiger si guarda le spalle

Per il centrocampista difensivo della Germania il segreto dei risultati della sua squadra risiede nell'attenzione in fase difensiva imparata dallo stile del Barcellona e della Spagna.

Schweinsteiger si guarda le spalle
Schweinsteiger si guarda le spalle ©Getty Images

Se le prime pagine dei giornali si sono soffermate sui tre gol realizzati da Mario Gomez in Polonia e Ucraina, l'attenzione della squadra, come conferma il centrocampista Bastian Schweinsteiger, è rivolta alla difesa.

Fino alla rete di Robin van Persie al 73' con cui l'Olanda accorciava le distanze, la Germania era l'unica squadra a UEFA EURO 2012 a non avere incassato reti. Schweinsteiger ha spiegato che tra le priorità della squadra di Joachim Löw vi è sempre quella di mantenere inviolata la porta, nonostante i 34 gol realizzati in dieci gare di qualificazione dicano il contrario.

"Le squadre che difendono bene sono destinate ad andare lontano in questo torneo. Anche quando si attacca bisogna sapere cosa fare se si perde la palla. Da giocatore difensivo, osservo gli attaccanti e cerco di prevedere cosa potrebbe succedere in caso di perdita della palla".

Il modello di Schweinsteiger, 27 anni, è la Spagna, che ha vinto 1-0 tutte le partite a eliminazione diretta del Mondiale FIFA 2010. "L'esempio migliore è il Barcellona o la Spagna. I difensori sono molto bravi a schierarsi anche in fase di possesso palla". Difendere non è alzare le barricate, ma essere un passo avanti rispetto all'avversario.

Con l'esperienza che gli deriva dalla partecipazione a quattro grandi tornei con la nazionale, Schweinsteiger spiega che la squadra attuale ha fatto tesoro dell'esperienza maturata due anni fa in Sudafrica. "Siamo più maturi. Ieri, complice il clima afoso, abbiamo tirato il fiato in fase di possesso. Abbiamo giocato con passaggi semplici. Ciononostante, siamo arrivati davanti alla porta. Nelle prossime partite potremo sfoggiare uno stile più spettacolare”.

Schweinsteiger è stato condizionato dagli infortuni per tutto il 2011/12, e anche adesso deve gestirsi in allenamento. Se nonostante una condizione non ottimale Schweinsteiger è in grado di confezionare due splendidi assist come quelli contro l'Olanda, Löw può guardare avanti con grande ottimismo in attesa della migliore versione del motorino tedesco. "Schweinsteiger ha ancora qualche margine di miglioramento. Tuttavia, ha giocato una grande partita. Sta migliorando di partita in partita".

Schweinsteiger si aspetta una gara difficile domenica contro la Danimarca. Tuttavia, la traiettoria della squadra negli ultimi anni lo spinge a essere ottimista. "Abbiamo fatto ottime cose nel recente passato. Non siamo mai mancati quando contava. E questo è molto importante nel calcio”.