UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

La ricetta di Prandelli

In vista della finale di questa sera contro la Spagna, il Ct azzurro ha parlato con UEFA.com raccontando come è riuscito a riportare entusiasmo intorno alla nazionale.

La ricetta di Prandelli
La ricetta di Prandelli ©uefa.com 1998-2012. All rights reserved.

Dal giorno in cui si è seduto sulla panchina azzurra, Cesare Prandelli ha avuto una sola missione: riconquistare l'amore dei tifosi dopo la deludente Coppa del Mondo FIFA in Sudafrica. Voleva riuscirci facendo giocare una nazionale votata all'attacco e non ha mai nascosto di prendere come esempio la Spagna, proprio la squadra che affronterà nella finale di UEFA EURO 2012. A prescindere dal risultato di Kiev, un obiettivo è già stato centrato. Adesso il Ct azzurro spera di mettere la ciliegina sulla torta, come spiega a UEFA.com.

UEFA.com: Quanto è orgoglioso di aver raggiunto la finale specialmente dopo la grande prestazione contro la Germania?

Cesare Prandelli: Molto oroglioso, perchè partita dopo partita questi ragazzi hanno sempre cercato di giocare un bel calcio, e per un allenatore questo è l'obiettivo principale. Siamo riusciti ad inculcare a questa squadra un bel modo di giocare. Ci siamo allenati bene e da quando abbiamo deciso di puntare su un centrocampo tutto di qualità siamo sempre cresciuti.

UEFA.com: Pensa di aver rivoluzionato in qualche modo questa squadra?

Prandelli: No, non penso sia stata una rivoluzione. Ho analizzato le caratteristiche dei giocatori che avevo a disposizione e ho fatto delle scelte, sono convinto che abbiamo giocatori di grande qualità. Con questi giocatori pensi di dover sempre giocare un bel calcio, anche se a volte non è facile perchè è molto dispendioso. Abbiamo giocatori di grande qualità e possiamo costruire il gioco partendo dal portiere.

UEFA.com: E' stato molto paziente con Antonio Cassano e Mario Balotelli quando non trovavano il gol. Adesso hanno iniziato a segnare e a trovarsi. Che cosa hanno di speciale?

Prandelli: Come per ogni attaccante, quando iniziano a tirare e segnare con continuità guadagno fiducia e prendono maggiori iniziative. Io ho sempre creduto nella loro qualità.

UEFA.com: Avete già affrontato la Spagna nella fase a gironi. Si aspetta una partita molto diversa considerando che il vostro modulo non è più quello?

Prandelli: Sì, sarà diversa. Arrivavamo da un momento particolare. Affrontiamo probabilmente la migliore squadra al mondo, che ha continuità nelle prestazioni, hanno una filosofia di gioco precisa e una grande etica del lavoro. Dovremo avere la voglia di sfidarli a viso aperto, rischiando qualcosa, ma pensando di poter imporre il nostro gioco.

UEFA.com: Questa squadra sembra aver risvegliato l'orgoglio nazionale per il calcio...

Prandelli: E' una grande soddisfazione perchè volevamo riavvicinarci alla gente. Con le prestazioni offerte, la generosità con cui abbiamo giocato, con una squadra che non molla mai, abbiamo riportato entusiasmo intorno a questa squadra.

UEFA.com: Cosa significherebbe per lei, per i giocatori e per la nazionale vincere il primo Europeo dal 1968?

Prandelli: In questo momento non posso pensarci. Devo concentrarmi sul come far avverare quel sogno.