Tutti d'accordo, "il girone di ferro"

Dopo la sfida dell'anno scorso, Real Madrid e Milan si ritrovano nel Gruppo G e sanno bene cosa aspettarsi l'una dall'altra. Meno prevedibili le gare contro Ajax e Auxerre. Allegri: "Giocheremo contro squadre toste".

Kaká (Real Madrid CF)
Kaká (Real Madrid CF) ©Getty Images

Dopo la sfida nella fase a gironi dell'anno scorso e nella finale di Coppa dei Campioni 1958, Real Madrid CF e AC Milan si ritrovano nel Gruppo G e sanno bene cosa aspettarsi l'una dall'altra. Meno prevedibili saranno invece le gare contro AFC Ajax e AJ Auxerre.

La scorsa stagione, il Milan ha battuto il Real per 3-2 al Santiago Bernabéu, pareggiando 1-1 nella gara di ritorno a San Siro. Da allora, però, molto è cambiato ed entrambe le squadre si apprestano a disputare la UEFA Champions League 2010/11 con un nuovo allenatore. Altra fonte di preoccupazione sono Ajax e Auxerre. La formazione di Amsterdam ha vinto le ultime quattro partite contro le merengues, mentre l'ultima sconfitta in sei gare risale all'11 ottobre 1967 (2-1). L'Auxerre, a sua volta, ha sempre avuto la meglio contro i lancieri, eliminandoli due volte dalle competizioni europee (l'ultima ai sedicesimi di Coppa UEFA 2004/05 UEFA).

Massimiliano Allegri, tecnico AC Milan
Il nostro girone e quello dell’Inter sono certamente i due più difficili. Giocheremo entrambe contro squadre toste e ben preparate. Certamente affrontare il Real Madrid è molto suggestivo, è una sfida stimolante. San Siro e Santiago Bernabéu saranno stracolmi: lo spettacolo è assicurato. Ajax ed Auxerre hanno superato brillantemente i play-off e sono due avversarie molto temibili. Noi dobbiamo arrivare a giocare tutte queste partite mantenendo sempre alte concentrazione e condizione fisica. E’ un girone di ferro, ma noi faremo la parte del Milan.

Emilio Butragueño, direttore sportivo Real Madrid
La sfortuna è arrivata dalle urne 3 e 4. Il Milan non mi preoccupa troppo, perché sapevamo che avremmo trovato una squadra difficile fra le teste di serie. Quella che mi piace meno è l'Auxerre, sicuramente l'avversaria più temibile fra quelle dell'urna 4.

Martin Jol, attaccante Ajax
Abbiamo pescato due squadre molto ostiche come il Real e il Milan, due nomi incredibili. Pensando che nel calcio bisogna vincere, la vedo molto dura. La quarta squadra del girone è l'Auxerre e l'avrei cambiata volentieri con una come l'MŠK Žilina. Dobbiamo tenere presente che potremmo ritrovarci a giocare per il terzo posto e il tutto si complica, perché l'Auxerre è se non altro al nostro livello. È un peccato che Wesley Sneijder ci abbia sorteggiati contro queste squadre, ma sono contento per il premio che ha vinto.

Ireneusz Jeleń, tecnico dell'Auxerre
Subito dopo il sorteggio ho ricevuto tantissimi messaggi dagli amici, che mi chiedevano i biglietti per le partite in casa contro il Real e il Milan. Il nostro è il girone della morte e siamo sfavoriti, non c'è dubbio. Allo stesso tempo, ho sempre sognato di giocare contro squadre come Real Madrid, Milan e Ajax. Arrivare alla fase a gironi significherebbe soddisfare la mia più grande ambizione calcistica. Questo è il calcio è tutto può accadere, ma se vogliamo essere realistici dovremo lottare per il terzo posto.

In alto