UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

In the Zone: analisi di Manchester City - Real Madrid 4-3

Gli osservatori tecnici UEFA analizzano la spettacolare semifinale di andata vinta dal Manchester City contro il Real Madrid.

L'emozionante semifinale tra Manchester City e Real Madrid (4-3) ha messo in mostra le qualità offensive di entrambe le squadre.

L'undici di Josep Guardiola ha attaccato sfruttando le fasce e transizioni molto efficaci. Il Real Madrid ha evidenziato ancora una volta le qualità dei singoli, capaci di inventare magie che possono cambiare qualsiasi partita. Sono queste le principali conclusioni degli osservatori tecnici UEFA in questo articolo presentato da FedEx.

La partita minuto per minuto: Man. City - Real Madrid 4-3

Gol

Highlights: Man. City - Real Madrid 4-3

1-0: Kevin De Bruyne (2')
In occasione del vantaggio, il City lavora la palla da destra a sinistra, per poi tornare completamente da Mahrez sulla destra. L'algerino supera tre giocatori e fa partire un cross per De Bruyne, che si inserisce al centro e insacca di testa.

2-0: Gabriel Jesus (11')
Dopo un aver strappato un pallone a Éder Militão, Phil Foden serve De Bruyne, che crossa. Il City è in superiorità numerica in area e il debole intervento di David Alaba consente a Jesus di girarsi e realizzare il suo ventesimo gol in UEFA Champions League.

2-1: Karim Benzema (33')
Dopo un rilancio frettoloso del portiere Ederson, pressato da Vinícius Júnior, Luka Modrić anticipa Mahrez su una palla vagante e serve Ferland Mendy. Dalla sinistra, il giocatore crossa in area per Benzema, che anticipa il suo marcatore e insacca al volo sul secondo palo.

3-1: Phil Foden (53')
Fernandinho intercetta un passaggio sulla fascia di Mendy destinato a Vinícius Jr e il City contrattacca rapidamente. Quindi, Mahrez lancia Fernandinho, che crossa al centro per il colpo di testa vincente di Foden.

3-2: Vinícius Júnior (55')
Il brasiliano si fa perdonare con un formidabile gol su azione solitaria. Su un lancio profondo di Mendy sulla sinistra, elude Fernandinho in girata e parte da metà campo con la palla al piede, arrivando in porta e trafiggendo Ederson con un diagonale rasoterra.

4-2: Bernardo Silva (74') Zinchenko viene atterrato da Toni Kroos al limite dell'area, ma l'arbitro István Kovács concede il vantaggio e Bernardo ne approfitta, trafiggendo Thibaut Courtois con un potente tiro sul primo palo.

4-3: Karim Benzema (82')
Aymeric Laporte intercetta la palla con un braccio in area e l'arbitro assegna calcio di rigore. Benzema, che sei giorni prima ne aveva sbagliati due contro l'Osasuna, si presenta lo stesso sul dischetto e batte Ederson con un audace "cucchiaio".

Il modulo del Manchester City
Il modulo del Manchester City
Il modulo del Real Madrid
Il modulo del Real Madrid

La partita

Il video mostra come il City attacchi in ampiezza con gli esterni, mentre i terzini rimangono più stretti. Come si vede in occasione del secondo gol, John Stones e Oleksandr Zinchenko operano all'interno, mentre Mahrez e Foden restano larghi.

Nella pausa, si vede che il City assume una forma chiaramente definita, con un quattro difensori e Rodri davanti; per la precisione, l'osservatore UEFA parla di modulo 2-3-5. Quando il gioco riprende, Zinchenko raccoglie un passaggio di Rodri e appoggia la palla per Foden, con il City che lavora da destra a sinistra.

Un'altra caratteristica evidenziata dall'osservatore UEFA sono le ottime transizioni offensive del City. In questo caso si distinguono sia Mahrez che, soprattutto, De Bruyne, coinvolto nella maggior parte delle azioni pericolose. La capacità di De Bruyne di correre in velocità con la palla ed servire un assist o un cross lo rendono fondamentale nelle transizioni da difesa ad attacco. Il belga conclude la partita con tre occasioni create (eguagliato solo da Benzema).

Il City parte nel migliore dei modi, con un pressing alto e passaggi di ottima qualità ma anche una grande prontezza sulle palle perse. Inoltre, dimostra di saper vanificare il pressing avversario quando non è perfettamente coordinato.

I padroni di casa, però, andranno in Spagna solo in leggero vantaggio, a dimostrazione della grande resilienza del Madrid nei momenti di difficoltà. Secondo l'osservatore UEFA, l'importanza di Benzema in questo senso deve essere sottolineata, perché il giocatore tira fuori la sua personalità chiedendo di più ai compagni. Inoltre, l'attaccante firma due gol e arriva a 14 in questa straordinaria stagione.

Costruendo le azioni a partire da Courtois, il Real cerca di attaccare sfruttando la circolazione di palla e le capacità nell'uno contro uno degli esterni Rodrygo e Vinícius Júnior. Quest'ultimo porta il maggior numero di attacchi (otto) rispetto a qualsiasi altro giocatore impegnato questa settimana.

Anche Modrić ha un ruolo chiave grazie alle sue doti tecniche, trovando spazi, ricevendo la palla e smistandola con una serie di soluzioni. Con lui e Toni Kroos, altro giocatore tecnicamente sopraffino, il Real Madrid è in grado di tenere palla e farla girare anche sotto pressione. In fase di non possesso, però, si nota l'assenza di Casemiro, che si spera rientri mercoledì.

Pep Guardiola sulla vittoria del City contro il Real Madrid