Barcelona 3-1 Napoli (tot: 4-2): Messi porta avanti il Barça

Il Barcelona raggiunge i quarti di finale per la 13a volta di fila, superando il Napoli.

Barcelona's Argentine forward Lionel Messi celebrates after scoring the second goal during the UEFA Champions League round of 16 second leg football match between FC Barcelona and Napoli at the Camp Nou stadium in Barcelona on August 8, 2020. (Photo by LLUIS GENE / AFP) (Photo by LLUIS GENE/AFP via Getty Images)
Barcelona's Argentine forward Lionel Messi celebrates after scoring the second goal during the UEFA Champions League round of 16 second leg football match between FC Barcelona and Napoli at the Camp Nou stadium in Barcelona on August 8, 2020. (Photo by LLUIS GENE / AFP) (Photo by LLUIS GENE/AFP via Getty Images) AFP via Getty Images

Barcelona - Napoli: la cronaca

Missione fallita! Il SSC Napoli di Gennaro Gattuso crolla a Barcellona e saluta (ancora una volta) la UEFA Champions League agli ottavi di finale: mai, nella loro novantennale storia, gli azzurri hanno raggiunto i quarti della massima competizione europea.

Ci ha provato Gattuso. Nelle scelte, prima di tutto. Dopo il pari di sei mesi fa, il Napoli si presenta al Camp Nou con il tridente e il recuperato Lorenzo Insigne largo a sinistra, pronto a innescare Dries Mertens. Ci riesce anche Insigne, dopo due minuti, ma il centravanti belga colpisce male col mancino e il suo tiro si spegne sul palo esterno insieme con tutte le speranze azzurre.

Perché, al primo vero tentativo, il FC Barcelona va subito a segno: al 10’ Ivan Rakitić pennella un corner dalla sinistra, Clément Lenglet salta tutto solo in mezzo all’area e batte David Ospina con un colpo di testa sul palo più lontano.

È il gol che sblocca il match e abbatte il Napoli, che subisce il colpo e presta il fianco agli attacchi del Barcelona: al 23’ così arriva il raddoppio blaugrana, tutto merito di Messi, che riceve palla decentrato sulla sinistra, danza tra quattro azzurri e, in caduta, disegna una parabola perfetta col mancino che s’infila sul palo più lungo alle spalle di Ospina.

Ci sarebbe tempo anche per la doppietta di Messi, ma al 30’ l’arbitro turco Cüneyt Çakır cancella il lob del fuoriclasse argentino dopo essere stato richiamato al monitor dal VAR. Ed è sempre l’assistente in sala VAR al 40’ a suggerire a Çakır il fallo da rigore di Kalidou Koulibaly in colpevole ritardo sul solito Messi: sul dischetto si presenta Luis Suárez ed è 3-0 Barcelona.

Che diventa 3-1 un attimo prima dell’intervallo perché al 48’ Çakır punisce l’intervento scomposto di Rakitić su Mertens e assegna il rigore trasformato da Insigne.

La ripresa è tutta una girandola di cambi, con Gattuso che getta nella mischia prima Hirving Lozano e Matteo Politano e poi anche Arkadiusz Milik nel tentativo disperato di trovare almeno il gol della speranza. Tutto inutile, il possesso palla azzurro è sterile e nell’unico vero tentativo al 40’ Lozano colpisce la base del palo. Finisce 3-1, col Barcelona che festeggia la 13esima qualificazione di fila ai quarti di finale di Champions League.

Reazioni

Gennaro Gattuso, allenatore Napoli: il rimpianto è tanto, abbiamo avuto mezz'ora di blackout prendendo gol incredibili. Mi fa rabbia prendere gol dal Barcellona da calcio piazzato.

Non abbiamo dato continuità alla nostra manovra anche se siamo partiti bene e potevamo segnare in avvio. Alleno giocatori giovani e forti: ma per diventare giocatori importanti dobbiamo cambiare la mentalità dimostrata fin qui. Sono deluso, secondo me potevamo fare di più

Uomo partita: Lionel Messi (Barcelona)

Formazioni

Barcelona: Ter Stegen; Semedo, Piqué, Lenglet, Alba; Roberto, Rakitić, De Jong; Messi; Súarez, Griezmann

Napoli: Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mário Rui; Fabián Ruiz, Demme (Lobotka 46), Zieliński (Lozano 70); Callejón (Politano 70), Mertens, Insigne

E adesso?

Barcelona e Bayern si incontrano all'Estádio do Sport Lisboa e Benfica a Lisbona. Quarto di finale in gara singola in programma per le 21:00 CET di venerdì 14 agosto.