Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Suárez: "Grande cuore nella ripresa"

Luis Suárez è alle stelle dopo i due gol che hanno permesso al Barcellona di rimontare contro l'Atlético Madrid. Filipe Luís ci crede: "Siamo ancora in piedi".

Luis Suárez si prende gli applausi dopo la vittoria contro l'Atlético
Luis Suárez si prende gli applausi dopo la vittoria contro l'Atlético ©AFP/Getty Images

Luis Suárez è alle stelle dopo aver realizzato i due gol che hanno permesso al Barcellona di vincere all'andata dei quarti di UEFA Champions League contro l'Atlético Madrid.

L'attaccante uruguaiano è salito in cattedra nel momento di maggior bisogno, pareggiando al 63' dopo un gol di Fernando Torres e firmando la rete della vittoria 11 minuti più tardi.

Il bomber commenta a UEFA.com: "Loro erano messi bene in campo, soprattutto in difesa, e noi sapevamo di dover sfruttare tutte le occasioni. Alla fine ci siamo riusciti e adesso siamo leggermente in vantaggio. Vedere la palla entrare mi ha dato una grande gioia. È stato bello poter aiutare la squadra a rimontare".

"Con l'espulsione di Fernando Torres è diventato tutto più difficile per loro. Nei primi 35 minuti l'Atlético ha giocato molto bene. La superiorità numerica è stata un vantaggio per noi, ma ora ci aspetta il ritorno".

Highlights: Barcellona - Atlético 2-1
Highlights: Barcellona - Atlético 2-1

L'uruguaiano ribadisce di aver scelto il Barcellona per vincere la competizione. Dopo il gol nella finale 2014/15, in questa edizione ne ha segnati otto in altrettante partite, compresi quelli della vittoria contro Bayer Leverkusen e Arsenal.

Suárez aggiunge che, oltre all'espulsione di Torres, è stata importante la conversazione con l'allenatore durante l'intervallo. "Sapevamo che nel secondo tempo dovevamo crederci di più e aumentare il ritmo della partita. Dovevamo metterci il cuore".

Jan Oblak dopo il secondo gol
Jan Oblak dopo il secondo gol©AFP/Getty Images

Filipe Luís dell'Atlético, ovviamente, è di morale opposto. Dopo la sconfitta, il terzino si dice amareggiato ma non esclude una rimonta a Madrid.

"Non è mai facile giocare contro il Barça in Champions League, né in 11 né in 10 - commenta il brasiliano -. Nell'intervallo il mister ci ha detto di superarci e vincere, ma anche di stare calmi perché ci sarebbe stata un'altra partita. Nella ripresa potevamo raddoppiare, ma siamo anche rimasti tanto nella nostra area e loro hanno avuto più occasioni".

"Per fortuna hanno segnato solo due gol, ma potevano essere di più e siamo ancora in piedi. Sarà molto difficile andare avanti", prosegue il 30enne terzino.

Tuttavia, l'ultima parola spetta a Javier Mascherano, ancora una volta trascinatore dalle retrovie. "Il secondo tempo è stato uno dei migliori che abbiamo mai giocato. Per arrivare in semifinale dobbiamo ripeterci a Madrid, dove andremo per vincere. Sappiamo che sarà difficile, ma abbiamo le qualità per farcela".

©AFP/Getty Images
In alto