Si torna a giocare: la UEFA si sta preparando per un ritorno alle sue competizioni d'elite nella massima sicurezza.

Maggiori informazioni >

Alla scoperta di Luiz Adriano...

Ha dato spettacolo in UEFA Champions League e si è conquistato la chiamata con la nazionale del Brasile, ma chi è esattamente l'attaccante dello Shakhtar Donetsk Luiz Adriano?

Luiz Adriano ha disputato delle partite spettacolari con lo Shakhtar in UEFA Champions League
Luiz Adriano ha disputato delle partite spettacolari con lo Shakhtar in UEFA Champions League ©AFP/Getty Images

Luiz Adriano ha trascorso in Ucraina più di sette anni, vincendo la Coppa UEFA nel 2009, sei campionati nazionali, quattro coppe d'Ucraina e tre supercoppe d'Ucraina con la maglia dell'FC Shakhtar Donetsk. Nel 2013/14 ha vinto la classifica cannonieri della Premier League ucraina, e con la maglia dei Pitmen ha segnato in totale ben 120 reti in tutte le competizioni. Nonostante numeri da fuoriclasse, l'Europa si è accorta di lui solamente adesso a 27 anni, prima del suo debutto con la nazionale brasiliano.

Ma chi è esattamente Luiz Adriano de Souza da Silva e come ha fatto a diventare un recordman di UEFA Champions League? UEFA.com ne vuole sapere di più…

Squadre: SC Internacional, FC Shakhtar Donetsk

Trofei UEFA
Coppa UEFA: vincitore nel 2009

• A 14 anni entra a far parte delle giovanili dell'Internacional. A 19 anni debutta in prima squadra, e lascia il segno nella conquista della Coppa del Mondo per club FIFA, segnando la rete della vittoria in semifinale contro l'Al-Ahly SC.

• Nella vittoria del campionato Under 20 del Sud America nel 2007, mette a segno due gol con la maglia del Brasile. Nel marzo dello stesso anno passa allo Shakhtar per €3mln.

• Con lo Shakhtar debutta il 19 marzo 2007, ma non segna un gol fino all'anno successivo (FC Shakhtar Donetsk-FC Metalist Kharkiv 4-1).

Luiz Adriano con la Coppa UEFA
Luiz Adriano con la Coppa UEFA©Getty Images

•   Apre le marcature nella vittoria per 2-1 ai tempi supplementari dello Shakhtar contro l'SV Werder Bremen in finale di Coppa UEFA 2009.

• Vince il primo campionato nazionale nel 2008, ma non diventa titolare fino alla stagione 2009/10. Nelle ultime cinque stagioni si laurea miglior marcatore dello Shakhtar.

• Il 20 novembre 2012 mette a segno la prima tripletta in UEFA Champions League, nella vittoria per 5-2 contro l'FC Nordsjælland. Viene in seguito sospeso per una giornata per una violazione ai principi di comportamento dopo la prima marcatura.

• La scorsa stagione conquista il suo sesto campionato con la maglia dello Shakhtar - il quinto di fila -, guidando la classifica dei cannonieri della Premier League ucraina con 20 reti.

Nella vittoria dello Shakhtar per 7-0 sull'FC BATE Borisov nella terza giornata di questa stagione, diventa il secondo giocatore - dopo Lionel Messi - a segnare cinque gol in una partita di UEFA Champions League. Allo stesso tempo supera Andriy Vorobey (114 reti) come miglior marcatore di tutti i tempi dello Shakhtar.

Alla quarta giornata segna un'altra tripletta contro il BATE, diventando il quarto giocatore - dopo Messi (4), Filippo Inzaghi (3) e Mario Gomez (3) – a segnare più di due triplette in UEFA Champions League.

• E' a un gol di distanza dal record di Cristiano Ronaldo (nove reti nella fase a gironi), stabilito nella passata stagione.

Il tecnico dello Shakhtar, Mircea Lucescu
Il tecnico dello Shakhtar, Mircea Lucescu©AFP/Getty Images

Dicono di lui...
"Luiz è cresciuto molto qui; è migliorato anno dopo anno e ora è pronto per la nazionale brasiliana. Ho sempre creduto in lui. In molti sono partiti e li ho lasciati andare, ma per lui mi sono battuto per tenerlo allo Shakhtar. Adesso sta ripagando questa fiducia a suon di gol".
Mircea Lucescu, allenatore dello Shakhtar

La parola a Luiz Adriano...
"Sono infinitamente felice di essere riuscito a entrare nella storia di un club che amo e che mi ha accolto con grande calore e dolcezza. Per tutto ciò che lo Shakhtar mi ha dato, per come mi hanno aiutato a crescere sia moralmente che professionalmente, non li abbandonerò mai! Se c'è un posto per me in questo club, resterò fino alla fine!".

In alto