UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Gabi vuole vincere per Aragonés

Il capitano dell'Atlético Madrid Gabi sogna di dedicare alla memoria di Luis Aragonés un eventuale successo a Lisbona, mentre Tiago vuole avere la meglio sui connazionali portoghesi che sfiderà in finale.

Gabi vuole vincere per Aragonés
Gabi vuole vincere per Aragonés ©UEFA.com

Le maglie del Club Atlético de Madrid per la finale di UEFA Champions League avranno una dedica in memoria di Luis Aragonés e capitan Gabi sogna di renderlo orgoglioso.

Aragonés, che fu protagonista in campo dell'unica finale di Coppa dei Campioni precedentemente disputata dall'Atlético, 40 anni fa, e che allenò la squadra per ben quattro volte, è scomparso a febbraio e il suo nome campeggerà sul colletto delle maglie che Gabi e compagni indosseranno sabato contro il Real Madrid CF. Il 30enne capitano dei Colchoneros, cresciuto nelle giovanili del club, ha voluto rendere omaggio all'artefice del trionfo della Spagna a UEFA EURO 2008.

"E' un personaggio unico nella storia del club - ha dichiarato Gabi -. Siamo tutti in debito nei suoi confronti, domani speriamo di essere tutti al suo livello e di giocare la partita che avrebbe voluto vedere. Sono sicuro che lui sarà con noi".

L'attuale tecnico dell'Atlético, Diego Simeone, è un'altra delle fonti di ispirazione di Gabi, che ha apprezzato il acrisma mostrato dall'argentino venerdì all'Estádio do Sport Lisboa e Benfica. "Abbiamo fiducia in lui - ha spiegato il centrocampista -. A prescindere dal fatto che piaccia alla gente, ci ha fatto diventare dei vincenti e quando si vince tutto è fantastico. Sono qui per vincere, lo vogliamo tutti, ed è lui che ci ha dato questa possibilità. E' meraviglioso ciò che ci sta accadendo".

Tiago, compagno di reparto di Gabi, ha ampliato il concetto: "Per noi, per tutti qui al club, lui [Simeone] è come un dio. E' arrivato qui, ha stravolto tutto e ha fatto avverare ogni previsione. Lo seguiamo ciecamente, se ci chiedesse di saltare giù da un ponte , salteremmo. Lo seguiamo con fiducia e siamo orgogliosi che sia il nostro allenatore".

Tiago è l'unico portoghese in forza all'Atlético e a Lisbona potrebbe sfidare i connazionali Fábio Coentrão, Pepe e Cristiano Ronaldo. Questo potrebbe far penderela bilancia del tifo lusitano a favore del Real. "La cosa non mi preoccupa - ha dichiarato il centrocampista 33enne -. So che nel Real giocano Ronaldo e altri portoghesi, ma so anche che molti portoghesi seguono me e l'Atlético. La gente sostiene chi preferisce".

"Naturalmente, giocare in uno stadio che conosco bene sarà speciale, un sogno che si avvera. Sono orgoglioso di essere qui e di vestire i colori dell'Atlético e la mia speranza è quella di poter stringere il trofeo tra le mani domani. Rimanderò [le chiacchierate con i miei connazionali] a dopo la partita. Ora come ora, non posso considerarli amici".

Detto questo, Tiago è ben consapevole del pericolo rappresentato da Ronaldo. "I nostri avversari possono contare su grandissimi giocatori e Cristiano probabilmente è il più forte. Noi però continueremo ad avere fiducia in noi stessi, come abbiamo fatto per tutta la stagione, e cercheremo di fare in modo che Cristiano veda il pallone il meno possibile. Sappiamo quanto sia pericoloso, quindi meno palloni riceverà, meglio sarà per noi".