UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Il Marsiglia crede ai miracoli

Come spiega Ayew, il Marsiglia ricorderà a lungo il 3-2 in rimonta sul Borussia Dortmund che ha permesso ai francesi di raggiungere gli ottavi di UEFA Champions League.

Il Marsiglia festeggia a Dortmund
Il Marsiglia festeggia a Dortmund ©Getty Images

'Un bel giorno per un miracolo' era il messaggio sulla copertina del programma prepartita del Borussia Dortmund. Una frase profetica, in effetti, ma per l'Olympique de Marseille.

Il miracolo, naturalmente, doveva arrivare per i padroni di casa, obbligati a vincere con almeno quattro gol di scarto per arrivare secondi dietro l'Arsenal FC nel Gruppo F. Nonostante il vantaggio per 2-0 dopo la prima mezz'ora, la vittoria dell'Olympiacos FC sui Gunners sembrava rendere il punteggio di Dortmund irrilevante ai fini della classifica.

Al Marsiglia non restava che sperare in una difficile rimonta. Dopo aver accorciato con Loïc Rémy sul finire del primo tempo, la gara è proseguita sull'1-2 fino all'85', quando Ayew ha pareggiato di testa su angolo di Morgan Amalfitano. A 3' dal termine, il subentrato Mathieu Valbuena ha deciso l'incontro con uno spettacolare tiro sul secondo palo: il miracolo era compiuto.

"La gara è stata bellissima, ha dimostrato che siamo determinati e non molliamo mai - commenta Ayew uscendo da uno spogliatoio in festa -. Sul 2-1 sapevamo ancora di avere una possibilità e abbiamo cercato di segnare il prima possibile nel secondo tempo. Non ci siamo riusciti, ma abbiamo avuto la fortuna di segnare il 2-2 su calcio d'angolo. Poi ci siamo detti che non avevamo niente da perdere ed è arrivata la sorpresa. Bisogna sempre crederci fino all'ultimo".

Il giocatore, 21 anni, è contento anche perché la squadra ha mantenuto la concentrazione sino alla fine, quando un gol dei campioni di Germania avrebbe impedito la qualificazione: "Dopo il terzo gol eravamo contenti, ma la gara non era ancora finita - spiega -. È stata dura, ma abbiamo tenuto la testa alta e ora siamo qualificati. Questa partita resterà a lungo nella memoria, ancora di più se superiamo gli ottavi".

Anche Amalfitano pensa al futuro, dato che in campionato il Marsiglia non è ancora nella condizione ideale: "Questa partita sarà importante per il resto della stagione - commenta il centrocampista -. Pian piano iniziamo a costruire; vogliamo rialzare la testa, ma dobbiamo ancora lavorare per evitare un primo tempo come quello di stasera".

Per il Borussia, ultimo nel girone, non sono molti gli spunti positivi in questa stagione europea: "Abbiamo iniziato benissimo e cercavamo una vittoria straordinaria, ma tutto quello che è arrivato dopo è stato molto frustrante - commenta l'attaccante Shinji Kagawa -. Abbiamo una squadra giovanissima e molti non hanno ancora l'esperienza necessaria. La UEFA Champions League ha dimostrato che ci manca ancora qualcosa per essere fra le squadre più competitive".