Soldado ha già il Chelsea nel mirino

Dopo la pazzesca tripletta in 26 minuti nel 7-0 finale contro il Genk, l'attaccante spagnolo ha detto a UEFA.com che non intende certo fermarsi qua.

Soldado ha già il Chelsea nel mirino
Soldado ha già il Chelsea nel mirino ©Getty Images

La passione tra Roberto Soldado e la UEFA Champions League cresce in modo impressionante.

La pazzesca tripletta nel 7-0 con cui il Valencia CF ha disintegrato il KRC Genk lo mette in evidenza come uno dei bomber migliori della competizione, avendo segnato 12 gol in 15 partite, e il Chelsea FC – che lo dovrà affrontare nello spreaggio per la qualificazione di Londra, il 6 dicembre – dovrà fare molta attenzione ai colpi di Soldado.

Il 26enne spagnolo ha detto a UEFA.com: "Se manteniamo questa condizione abbiamo buone chance di vincere col Chelsea. È stata forse la mia miglior partita ma tutta la squadra ha giocato benissimo,affrontando i belgi come fosse una finale. Il nostro obiettivo è sempre stato di giocarcai la qualificazione all'utlimo turno, quindi bene così".

"Sto vivendo un grande momento, spero di fare altri gol per far vincere la squadra", aggiunge Soldado, che ha realizzato la sua tripletta contro i belgi in appena 26 minuti. "Continuo a segnare, penso di aver adattato bene il mio stile di gioco alla Champions League nella scorsa stagione".

Ma Soldado è in buona compagnia. L'incredibile risultato – era la prima volta che il Valencia ha segnato 7 gol in una volta nelle competizioni UEFA –, ha visto le prodezze balistiche di Jonas, Pablo Hernández, Tino Costa e del subentrato Aritz Aduriz. E se Soldado ha mandato un bel messaggio a Vicente Del Bosque in vista della UEFA EURO 2012, almeno altri due giocatori han mostrato di essere in grande spolvero.

L'attaccante brasiliano Jonas è uno di questi, la sua rete al 10 minuto ha aperto la mareggiata, e ha poi completato l'opera con tre assist. Ha detto: "Il mio stile di gioco è questo, segnare e fare assist. Ora dobbiamo battere il Chelsea, anche se ci basta non perdere o un pareggio con gol. Dobbiamo mantenere questo stupendo stato di forma".

Dall'altra parte, nonostante László Köteles abbia addirittura impedito uno score ancora più pesante, con eccezionali parate su Tino Costa, Pablo Piatti, Dani Parejo e Aduriz, il portiere ungherese del Genk è sconsolato per l'eliminazione della squadra. "Ho fatto tutto quello che potevo" ha detto Köteles. "Anche se perdere di sette reti fa male, almeno ho fatto alcune parate importanti."