UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Pereira elogia lo spirito del Porto

Il tecnico portoghese sottolinea la determinazione con cui la sua squadra si è imposta a Donetsk, in vista della sfida decisiva per accedere agli ottavi di finale in programma tra due settimane contro lo Zenit.

Hulk viene sommerso dai compagni dopo aver portato in vantaggio il Porto a Donetsk
Hulk viene sommerso dai compagni dopo aver portato in vantaggio il Porto a Donetsk ©Getty Images

Mircea Lucescu, allenatore dello Shakhtar 

Porgo le mie scuse ai tifosi per i risultati di questa edizione della Champions League. Ad Oporto eravamo partiti abbastanza bene, ma dopo il secondo gol e il secondo cartellino rosso, tutto è andato storto. E oggi è successa un po' la stessa cosa. Abbiamo fatto meglio in termini di possesso palla e occasioni da rete, abbiamo colpito due pali, ma non siamo riusciti a segnare. Ci sono annate fortunate e altre sfortunate, quest'anno la fortuna non è stata dalla nostra parte.

La personalità dei giocatori del Porto ha inciso sul risultato. Loro erano ancora in corsa per la qualificazione, mentre noi eravamo già fuori prima di questa partita. Potremmo parlare delle nostre assenze, ma chi è sceso in campo oggi avrebbe potuto fare molto, molto meglio. Il Porto ha giocato una buona partita. Tuttavia, prima del gol di Hulk non aveva creato nulla davanti. Di solito la fortuna aiuta gli audaci. Evidentemente il Porto oggi è stato più audace di noi.

Vítor Pereira, allenatore del Porto
Avevamo detto prima della partita che volevamo lottare per restare in UEFA Champions League. Dipendiamo da noi stessi, vogliamo la qualificazione e ce la giocheremo al meglio in casa contro lo Zenit. Complimenti alla squadra che ha mostrato un grande spirito. Sappiamo cosa vogliamo e lotteremo per quello.

Oggi abbiamo visto un Porto concreto e determinato. Il talento dei calciatori ha fatto il resto. Hulk ha giocato in mezzo oggi, ma la sua qualità gli consente di partire anche largo. A volte è necessario toccare il fondo per risalire. Le squadre e gli uomini veri si vedono in quei momenti.