UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Shakhtar eliminato, il Porto spera

FC Shakhtar Donetsk - FC Porto 0-2
Gli ucraini escono dalla scena europea mentre il Porto continua la caccia al secondo posto dello Zenit.

Shakhtar eliminato, il Porto spera
Shakhtar eliminato, il Porto spera ©Getty Images

Nel Gruppo G di UEFA Champions League, un verdetto qualificazione è rimandato all’ultima giornata della fase a gironi, con l’FC Zenit St Petersburg, secondo, impegnato il 6 dicembre in casa dell’FC Porto, vittorioso stasera con due gol nel finale contro l’FC Shakhtar Donetsk.

Sfortunato nel colpire due legni, lo Shakhtar soccombe al gol di Hulk e all'autorete di Răzvan Raţ negli ultimi 11 minuti. La squadra di Vítor Pereira si porta così a un punto dallo Zenit, secondo, il cui pareggio 0-0 di stasera contro l’APOEL FC ha permesso alla squadra cipriota di qualificarsi. Lo Shakhtar, giunto ai quarti di finale della massima competizione continentale la scorsa stagione, abbandona l’Europa.

I padroni di casa, pur consapevoli di non potersi più qualificare agli ottavi a seguito dello 0-0 dell'altra partita del girone in Russia, partono a spron battuto, come nei desideri del tecnico Mircea Lucescu.

Molte le emozioni nelle fasi iniziali. Luiz Adriano mette alla prova i riflessi di Helton dopo 15 secondi. Successivamente è Yaroslav Rakitskiy a salvare sulla linea un tiro di Hulk che aveva superato il portiere Olexandr Rybka. Lo Shakhtar sembra poter prendere in mano le redini dell’incontro; prima Willian tira su Helton, poi è Luiz Adriano a colpire la base del palo.

Gli ospiti rispondono con due tentativi di Hulk ma è sempre lo Shakhtar a dare l’impressione di poter passare prima dell’intervallo. Una sensazione rafforzata anche dalle continue avanzate dei terzini Vasyl Kobin e Raţ. Da una punizione di Willian, la sfera calciata da Olexandr Kucher sorvola di poco la traversa.

Il ritmo non cala nella ripresa, ed è ancora Luiz Adriano a chiamare subito in causa Helton, che respinge a pugni uniti. Nonostante la vivacità di Hulk in attacco, il Porto si rende raramente pericoloso, e lo Shakhtar cerca di stringere i tempi.

Al 73’, i padroni di casa colpiscono un altro legno: Helton devia sul palo alla sua sinistra un tiro di Fernandinho. Quasi inaspettatamente, Hulk segna poco dopo, realizzando con freddezza dopo aver raccolto un lancio lungo di João Moutinho. L'autogol di Raţ nel recupero chiude definitivamente i conti e spegne le residue speranze dello Shakhtar.