UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Cavani fa sognare Napoli

SSC Napoli - Manchester City FC 2-1
La doppietta dell'attaccante stende la squadra di Mancini e mette i Partenopei in pole position per la qualificazione.

Cavani fa sognare Napoli
Cavani fa sognare Napoli ©UEFA.com

Due lampi di Edinson Cavani nella notte dei desideri e il SSC Napoli batte il Manchester City FC. Gli azzurri adesso sono secondi in classifica e vincendo in casa del Villarreal CF nell'ultimo turno staccherebbero il pass per gli ottavi di finale di UEFA Champions League. Un'impresa difficilmente pronosticabile alla vigilia.

Walter Mazzarri conferma i titolarissimi con Andrea Dossena sulla sinistra al posto dello squalificato Juan Zúñiga. Roberto Mancini, invece, lascia fuori a sorpresa Sergio Agüero e si affida alla strana coppia Edin Džeko - Mario Balotelli con David Silva libero di svariare alle loro spalle.

L'uomo più atteso, neanche a dirlo, è Balotelli ed è proprio sua la prima conclusione del match, un destro a giro dai venti metri di poco a lato. Il Napoli non sta a guardare e si rende pericoloso due volte in tre minuti, prima con un colpo di testa centrale di Marek Hamšík e poi con una rasoiata fuori misura di Ezequiel Lavezzi dopo uno splendido scambio con Cavani.

Gli azzurri premono e al 16' Joe Hart deve superarsi per disinnescare una conclusione da lontanissimo di Gökhan Inler. Sul calcio d'angolo successivo, puntuale, arriva il gol: Lavezzi crossa teso da sinistra sul primo palo, Cavani devia di testa e il portiere della nazionale inglese s'inchina, coperto anche da tanti compagni di squadra.

Il San Paolo esplode, gli azzurri rilanciano e Cavani ci prova ancora con un destro in corsa che finisce sull'esterno della rete. La supremazia dei padroni di casa, però, dura poco. I Citizens cominciano a guadagnare metri e si fanno vedere davanti con sempre maggiore insistenza. Silva ci prova un paio di volte da fuori, ma l'occasione buona gliela offre Salvatore Aronica che al 33' respinge sui suoi piedi un cross basso di Džeko: il tiro del talento spagnolo è mortifero, Morgan De Sanctis tocca con la punta delle dita ma non può nulla sul tap-in facile facile di Balotelli. È il gol dell'1-1, punizione forse troppo severa per il Napoli.

L'inerzia, così, si sposta tutta dalla parte del Manchester e al 42' il portiere azzurro deve  fare gli straordinari per sventare la conclusione mancina di Aleksandar Kolarov imbeccato con un passaggio no look dal solito Silva.
Si va al riposo in parità, ti aspetti che il City torni in campo per assestare il colpo del ko e invece il Napoli sfonda alla prima occasione: Cavani riceve palla da Aronica, la smista sulla sinistra per Lavezzi, tocco breve per Dossena e assist di prima intenzione per lo stesso Cavani che a rimorchio, con un destro al volo, brucia Hart.

Neanche il tempo di esultare che Mazzarri perde Inler, colpito duro alla schiena e sostituito da Blerim Dzemaili. Il Manchester s'innervosisce, ne fanno le spese Balotelli e Silva, ammoniti per proteste. Soprattutto, gli inglesi non riescono più a costruire azioni da gol. Il Napoli controlla bene e riparte ogni volta che è possibile: come al 69', quando Hamšík pesca Lavezzi in contropiede, dribbling su Vincent Kompany e sinistro a occhi chiusi che s'infrange sul portiere in uscita. O come al 76', quando Cavani inventa uno straordinario lancio per Hamšík che salta netto Kolarov e coglie in pieno il palo con il mancino.

Le due squadre si allungano e le occasioni fioccano. Yaya Touré trova Balotelli in area ma De Sanctis è bravissimo in uscita. Dall'altra parte ci prova Christian Maggio ma Hart chiude la porta. Mancini getta nella mischia anche Sergio Agüero: il Kun dà la scossa e prima mette al centro per Touré che non inquadra la porta di testa e poi impegna De Sanctis a terra. Il forcing del City è asfissiante ma sterile: finisce 2-1, Napoli può sognare.