Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Zurigo, l'Europa per rialzarsi

Penultimo e aspramente criticato in campionato, il club elvetico spera in un'impennata d'orgoglio nel ritorno del terzo turno preliminare in programma stasera contro lo Standard Liegi.

Zurigo, l'Europa per rialzarsi
Zurigo, l'Europa per rialzarsi ©Getty Images

Alle prese con il peggiore inizio di stagione degli ultimi otto anni, l'FC Zürich, vice campione di Svizzera nel 2010/11, si aggrappa all'Europa per ripartire.  
Ancora senza punti dopo tre giornate di campionato, di cui due contro squadre neo promosse, lo Zurigo giace al penultimo posto in classifica. L'unica nota lieta di questo inizio di stagione viene dall'1-1 ottenuto la scorsa settimana in Belgio, nell'andata del terzo turno preliminare di UEFA Champions League contro l'R. Standard de Liège.

Gli elvetici devono sperare in una reazione positiva dopo la sconfitta di sabato per 2-1 fuori casa contro l'FC Lausanne-Sport. "Devo riflettere su quanto è successo”, ha dichiarato il tecnico Urs Fischer dopo la sconfitta. Il direttore sportivo Fredy Bickel ha aggiunto: "Spero che i giocatori provino il mio stesso imbarazzo”.

L'ultima sconfitta dello Zurigo, campione di Svizzera nel 2009 e a un solo punto dall'FC Basel 1893 la scorsa stagione, lascia perplesso l'intero staff tecnico anche alla luce del buon risultato ottenuto pochi giorni prima contro lo Standard. Per quanto non avesse espresso un gioco fluido, lo Zurigo aveva dimostrato in Belgio quella voglia di lottare, organizzazione e determinazione che sono poi mancate di nuovo contro il Losanna.

"Al momento non mi riesce di mandare in campo una squadra disposta a lottare”, ha dichiarato Fischer. Nell'esprimere la sua preoccupazione per il momento, Bickel ha sottolineato l'importanza di restare uniti. "Non riusciamo a servire gli attaccanti e nessuno torna a difendere quando perdiamo la palla. Ma non dobbiamo dividerci”, ha aggiunto. Un veterano come il terzino Ludovic Magnin ha confermato: “Le critiche sono giustificate. Non abbiamo scelta: dobbiamo accettarle e lottare”.

Sebbene lo spettro del fallimento si aggiri nell'ambiente, lo Zurigo può almeno guardare con fiducia all'inizio di stagione 2009/10. Partito male in campionato e sconfitto in casa dall'NK Maribor nell'andata del terzo turno preliminare di UEFA Champions League, lo Zurigo aveva poi saputo reagire raggiungendo la fase a gironi.

In alto