UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Niente miracoli, Schalke in semifinale

FC Schalke 04 - FC Internazionale Milano 2-1 (and. 5-2)
Raúl segna e fa segnare, il sogno nerazzurro di difendere il titolo vinto a Madrid svanisce definitivamente a Gelsenkirchen.

Niente miracoli, Schalke in semifinale
Niente miracoli, Schalke in semifinale ©UEFA.com

Il sogno dell’FC Internazionale Milano di difendere il titolo conquistato lo scorso maggio a Madrid svanisce definitivamente con la sconfitta per 2-1 in casa dell’FC Schalke 04. Ma i buoi erano già belli che scappati la settimana scorsa  quando i nerazzurri erano stati sconfitti per 5-2 in casa dalla squadra di Ralf Rangnick.

Per tentare l'impresa Leonardo si affida alla coppia Samuel Eto'o-Diego Milito con Wesley Sneijder a sostegno. In difesa torna Lúcio, che aveva saltato l'andato per squalifica, e si posiziona al centro con Andrea Ranocchia. A sinistra non c'è lo squalificato Cristian Chivu, spazio al giapponese Yuto Nagatomo, mentre a centrocampo resta fuori Esteban Cambiasso con Thiago Motta che si posiziona davanti alla difesa.

Dall'altra parte Rangnick non può contare sullo squalificato Jefferson Farfán, ma ritrova Christoph Metzelder in difesa alzando il 19enne Joel Matip sulla linea dei centrocampisti. In attacco confermata la coppia Edu-Raúl González. L'Inter prova subito a spingere ma fatica a trovare spazi in avanti. Nella prima mezz'ora i nerazzurri non creano veri pericoli per la porta tedesca.

A chiamare Manuel Neuer all'intervento ci pensa così Dejan Stanković al 36' con un gran tiro da fuori: il portiere della nazionale tedesca si distende in tuffo e sventa. Tre minuti più tardi il centrocampista serbo verticalizza bene per Maicon, ma il terzino manca il controllo a tu per tu con Neuer graziando lo Schalke.

Proprio allo scadere della prima frazione sono i tedeschi a sbloccare il risultato: Alexander Baumjohann innesca José Manuel Jurado, che penetra per vie centrali e serve Raúl: l'ex attaccante del Real Madrid CF sfrutta il buco della retroguardia nerazzurra, salta con la solita freddezza Júlio César e insacca a porta vuota.

Ora i gol da segnare sono cinque per gli uomini di Leonardo. La vetta della montagna da scalare è sempre più lontana. Il pareggio arriva comunque in apertura di ripresa quando Lúcio tocca di testa un corner di Sneijder da destra permettendo al ben appostato Thiago Motta di insaccare di sinistro.

Kyriakos Papadopoulos spreca l'occasione per riportare subito in vantaggio i suoi mandando alto un colpo di testa da buona posizione sul cross dalla destra di Baumjohann. Il difensore greco stacca bene anche sul corner di Jurado, ma anche questa volta non centra il bersaglio. L’Inter ci prova con convinzione sempre decrescente. Una punizione di Sneijder sfiora il palo con Neuer che controlla.

La squadra di Leonardo è ormai sfilacciata e disunita e a dieci minuti dalla fine lo Schalke torna in vantaggio. Raúl  ‘scucchiaiai’ per il dirompente inserimento centrale di Benedikt Höwedes. Júlio César esita nell’uscita e il difensore lo fredda con un collo destro sul primo palo senza pensarci troppo. La partita finisce praticamente qui. Così come il sogno nerazzurro.