UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Il Bayern punta al filotto

Fra gli artefici dei successi del Bayern in questa stagione, Mark van Bommel e Bastian Schweinsteiger sono convinti che i bavaresi prevarranno anche a Madrid contro l'Inter.

Il Bayern punta al filotto
Il Bayern punta al filotto ©UEFA.com

Mark van Bommel e Bastian Schweinsteiger sono sicuri che i neo campioni di Germania non si lasceranno sfuggire l’occasione di completare una storica tripletta, un risultato senza precedenti nella gloriosa storia dell’FC Bayern München, e si aggiudicheranno la finale di UEFA Champions League.

Con il titolo nazionale e la Coppa di Germania già in bacheca, il Bayern ha l’opportunità di infilare uno straordinario filotto battendo al Santiago Bernabéu l’FC Internazionale Milano, che si trova nella stessa identica posizione avendo vinto scudetto e Coppa Italia. "Si respira grande ottimismo nel gruppo – ha dichiarato Schweinsteiger nella conferenza prepartita -. Sappiamo di poter raggiungere un risultato storico: diventare la prima squadra tedesca a conquistare tre titoli nella stessa stagione. Non vediamo l’ora di andare in campo e vincere questa finale. E’ stato fantastico sollevare la Coppa di Germania a Berlino, sono sicuro che sarà ancora più bello farlo sabato”.

Nonostante l’ottimismo ostentato dai due centrocampisti del Bayern, il rispetto per l’avversario di Madrid è massimo. Schweinsteiger ha dichiarato: "L’Inter è molto forte in difesa, ma anche davanti ha giocatori in grado di decidere la partita alla minima occasione”. Il capitano Van Bommel ha aggiunto: "L’Inter è una grande squadra e merita di essere in finale. E’ una squadra solida, che non sa solo difendersi ma anche attaccare. Contro il Barcellona ha dimostrato di sapersi difendere molto bene. Nonostante abbia giocato quasi tutto il ritorno nella propria metà campo, eccola qui in finale. Noi comunque proveremo ad attaccare, ma dovremo fare attenzione contro una squadra che ha dimostrato di essere solida in ogni reparto".

Il nazionale olandese ha quindi elogiato i due connazionali in forza alle due squadre, definendo il trequartista dell’Inter Wesley Sneijder "un fuoriclasse, un giocatore che ha tutto per diventare il numero uno del mondo”, senza mancare di sottolineare l’importanza di Arjen Robben nel Bayern, per il quale conclude dicendo: “Sono contento che giochi con noi”. Van Bommel è l’unico elemento della rosa bavarese ad aver vinto una finale di UEFA Champions League, quando era in forza all’FC Barcelona nel 2006, e spera di rivivere quelle sensazioni. "Non saprei definire quello che ho provato quel giorno, posso dire soltanto che sono emozioni molto intense, da godersi fino in fondo se si ha la fortuna e la bravura di vincere”.

Schweinsteiger spera di provarle in prima persona a coronamento di una stagione che l’ha visto protagonista al fianco di Van Bommel nel nuovo ruolo di centrocampista arretrato. Il nazionale tedesco non ha esitato a indicare nel tecnico Louis van Gaal uno dei segreti del successo del Bayern. "Un nuovo allenatore e un nuovo staff tecnico portano a un cambio di mentalità, e quella di quest’anno è risultata vincente. All’inizio è servito del tempo per conoscerci e amalgamarci. Siamo stati bravi a non perdere la fiducia anche quando i risultati non arrivavano. Adesso che raccogliamo i frutti la soddisfazione è grande. La filosofia di Van Gaal si adatta bene a questa squadra. Non dovremo commettere errori e giocare la nostra partita. Se lo faremo, avremo buone possibilità di sollevare la coppa”.