Guardiola: tre applausi al Barça

Il tecnico del Barcellona esalta la stagione della sua squadra, capace di vincere tre trofei: "Me ne vado domani, non posso fare niente per migliorare", ha scherzato. Per il giovane tecnico anche i complimenti di Ferguson.

Guardiola: tre applausi al Barça
Guardiola: tre applausi al Barça ©Getty Images

Josep Guardiola non può che essere un uomo completamente soddisfatto dopo la vittoria dell'FC Barcelona per 2-0 contro il Manchester United FC nella finale di UEFA Champions League. "Non saremo la squadra migliore nella storia del Barça ma abbiamo disputato la migliore stagione in assoluto", ha detto il tecnico commentando la tripletta di trofei alla sua prima stagione in panchina. Sir Alex Ferguson, invece, si aspettava di più dalla sua squadra è ha ammesso che il successo degli spagnoli è meritato.

Josep Guardiola, tecnico del Barcellona
Me ne vado domani, non posso fare nient'altro per migliorare. Siamo molto felici, in delirio. Sappiamo di aver fatto qualcosa di straordinario. Vorrei congratularmi con tutta la società e tifosi. Forse non siamo la migliore squadra nella storia del Barça, ma abbiamo giocato la miglior stagione. Abbiamo vinto tre titoli, ma è anche importante come li abbiamo vinti. Da giocatore è stato bellissimo alzare la coppa per la prima volta. Ora ne abbiamo tre: non abbiamo il record, ma ci avviciniamo a un gruppo di squadre leggendarie. Ho detto più volte che siamo fortunati ad avere l'eredità di Cruyff e Charlie Rexach. Sono stati i nostri padri e noi li abbiamo seguiti.

Non ci aspettavamo che il Manchester iniziasse la gara pressando così alto. Ci ha causato problemi e devo ammettere che ha avuto una grande occasione con la punizione di Cristiano Ronaldo al 2'. Poi abbiamo segnato e loro hanno provato a far circolare la palla per vie interne. Abbiamo notato che nella semifinale dell'anno scorso Messi aveva avuto problemi con Evra, quindi ho deciso spostarlo per avere un giocatore in più a metà campo. Al momento è il migliore e ha prenotato il Pallone d'Oro. Messi è un vero talento e non si nasconde mai: quando la partita diventa difficile, lui sale in cattedra.

Devo controllare le mie emozioni ora che siamo riusciti in quest'impresa meravigliosa. Eravamo meno possenti di loro e giocavamo senza alcuni titolari, ma abbiamo attaccato e difeso bene contro la squadra più forte al mondo. Datemi qualche giorno per riposare e vi dirò come mi comporterò l'anno prossimo. Si può giocare male e vincere lo stesso, ma se si rischia e si attacca si hanno maggiori possibilità: niente è più pericoloso che smettere di rischiare. Con il tempo, le vittorie si apprezzano ancora di più. Domani festeggeremo con la Catalogna intera.

Sir Alex Ferguson, tecnico del Manchester United
Siamo delusi per la prestazione. Le nostre migliori partite sono state quando abbiamo difeso bene, ma oggi siamo stati approssimativi; soprattutto in occasione del loro primo gol che ha dato loro una grande iniezione di fiducia. Comunque bisogna riconoscere i meriti di un grande Barcellona – ha vinto la squadra migliore stasera. Quando sono in vantaggio sanno tenere bene il pallone, i loro centrocampisti hanno chiuso bene gli spazi e per noi è diventato tutto più difficile.

Siamo stati bravi a raggiungere la finale ma dovevamo vincerla perché è un titolo che difficilmente si difende. Era una grande chance per i giocatori e per il club. Mi aspettavo di più, ma non siamo riusciti a recuperare dopo il loro primo gol. Sapevamo prima della partita che tipo di squadra sono. L'anno scorso non abbiamo avuto problemi a difendere contro di loro, ma quando Messi ha arretrato il suo raggio di azione ci ha creato molte difficoltà. Sono una delle migliori squadre che abbiamo affrontato e meritano un plauso perché non cambiano mai la loro filosofia di gioco.

Sono soddisfatto della maturità raggiunta dalla squadra. Stasera la delusione maggiore è per come abbiamo gestito il possesso della palla. Dopo il gol subito la montagna da scalare è diventata troppo alta. Per Guardiola è un grande risultato al primo anno in panchina. Complimenti a lui, ha fatto un lavoro fantastico. Tutti i suoi giocatori vogliono giocare il pallone, mantenendo il possesso e divertendosi a giocare.