Adriano sgretola l’Artmedia

FC Internazionale-FC Artmedia 4-0
Il brasiliano firma una tripletta nel successo che garantisce ai nerazzurri il primo posto nel girone, gol e assist per Figo.

L’FC Internazionale Milano si sbarazza agevolmente dell’FC Artmedia e ottiene la matematica certezza del primo posto nel Gruppo H con un turno di anticipo. Luís Figo apre le danze nel freddo di un San Siro ancora a porte chiuse, poi si scatena Adriano che chiude i conti con una tripletta.

Moduli speculari
Le due squadre iniziano con uno speculare 4-4-2. In attacco Roberto Mancini piazza Alvaro Recoba a fianco di Adriano, mentre gli slovacchi si affidano a Juraj Halenár e Branislav Obžera. I nerazzurri partono con esterni votati alla fase di attacco, Javier Zanetti e Figo a destra e Pierre Womé e Santiago Solari a sinistra. Non ci sono italiani nell’undici iniziale.

Verón al tiro
Nelle battute iniziali l'Artmedia conferma quanto di buono aveva fatto vedere nelle precedenti partite del girone e affronta l'Inter a viso aperto senza nessun timore reverenziale. Il primo tiro pericoloso, però, è di Juan Sebastián Verón al volo su angolo di Recoba. Il destro dell'argentino finisce di poco a lato.

Artmedia solido
Pericolosi anche gli slovacchi su calcio d'angolo di Aleš Urbánek, ma il colpo di testa di Balázs Borbély da ottima posizione finisce sul fondo. In questa fase l'Inter fatica a creare gioco e l'Artmedia riesce a tenere testa senza ricorrere alle barricate. Anzi, ci vuole una splendida chiusura di Walter Samuel per fermare Obžera lanciato a rete in contropiede.

Figo-gol
Al 27' è Adriano a trovare spazio sulla destra. Il brasiliano affonda e prova il tocco morbido a superare Juraj Čobej, ma Borbély, appostato sul secondo palo, sventa sulla linea. Il gol è però rimandato di un solo minuto. Verón pesca il taglio di Figo, che controlla bene con il sinistro, lascia scivolare il pallone sul destro e con freddezza batte Čobej sul primo palo. E' il secondo gol in tre giorni per il portoghese.

Adriano si sblocca
L'Artmedia però non si scompone e ci vuole un ottimo intervento di Júlio César sul tiro a volo del ceco Urbánek per evitare l'immediato pareggio. Poco prima dell'intervallo arriva però il raddoppio nerazzurro. Splendido lancio di Figo da dietro la metà campo, Adriano scatta e fredda Čobej con un perfetto diagonale.

Fuori Figo
Nell’intervallo Mancini mette a riposo un Figo in stato di grazia e inserisce Nicolás Burdisso, avanzando Javier Zanetti sulla linea dei centrocampisti. Bello slalom di Recoba che impegna Čobej con un tiro dal limite dell’area.

Super Adriano
L’Artmedia scompare e al 59’ arriva il terzo gol dell’Inter. Uno-due tra Adriano e Recoba al limite dell’area e piatto sinistro del brasiliano che centra l’angolino basso alla destra di Čobej. Tutto facile. Così come l’azione del quarto gol nerazzurro, quando Adriano riceve palla dal nuovo entrato Dejan Stankovic a limite dell’area e fredda ancora una volta il portiere slovacco con un gran sinistro.

Grande ritorno
Gli ultimi minuti sono solo accademia. Stankovic spreca una buona occasione, Adriano spara alle stelle il pallone buono per il poker personale. Ma va bene così. L’Inter può festeggiare il primo posto nel girone. Ma ciò che più farà sorridere Mancini è il prepotente ritorno dell’Imperatore Adriano.