L'arbitro Steinhaus emozionata per la finale di Cardiff

L'arbitro della finale di UEFA Women's Champions League di giovedì, Bibiana Steinhaus, spiega che sebbene sia abituata alle partite importanti, l'emozione 'di essere lì' non scompare mai.

L'arbitro tedesco, Bibiana Steinhaus, dirigerà la finale di UEFA Women's Champions League a Cardiff
L'arbitro tedesco, Bibiana Steinhaus, dirigerà la finale di UEFA Women's Champions League a Cardiff ©AFP

L'arbitro Bibiana Steinhaus non ha dubbi su come si sentirà quando si troverà a centrocampo con le due squadre allineate prima del fischio d'inizio della finale di UEFA Women’s Champions League che si giocherà giovedì tra il Lyon e il Paris Saint-German al Cardiff City Stadium.

“Probabilmente avrò la pelle d'oca”, ammette la 38enne agente di polizia proveniente dalla città di Bad Lauterberg, che si trova nella bassa Sassonia nella parte settentrionale della Germania.

“È forse il momento che mi piace di più... la sensazione di essere lì, di essere stata scelta per la partita insieme alla mia squadra. Sono veramente grata di dirigere la finale e che la gente abbia talmente tanta fiducia in me da essere stata mandata lì".

Sebbene sia abituata alle partite importanti di calcio femminile, dato che ha diretto la finale di Coppa del Mondo Femminile FIFA del 2011 in patria e la finale delle Olimpiadi femminili del 2012 a Londra, Steinhaus ha ammesso di emozionarsi a ogni nuova partita.

“È davvero un onore essere stata chiamata per dirigere la partita di Cardiff, e di fare parte della Women’s Champions League, che è una competizione fantastica".

Steinhaus sarà accompagnata in finale dagli assistenti arbitri Katrin Rafalski e Christina Biehl, e dal quarto uomo Riem Hussein, tutti provenienti dalla Germania. L'arbitro di riserva Sian Massey (Inghilterra) completa la squadra arbitrale.

L'arbitro tedesco vede nella finale tutta francese di giovedì in Galles un'occasione ideale per mettere in evidenza gli enormi passi in avanti fatti dal calcio femminile - e dall'arbitraggio femminile – negli ultimi anni.

“Velocità e dinamica del calcio femminile sono decisamente cresciuti", ha spiegato Steinhaus. “Le giocatrici adesso sono delle atlete – e gli arbitri donne sono dovute crescere allo stesso ritmo. In questa finale e neglii imminenti Women’s EURO, avremo la possibilità di vedere quanti progressi sono stati fatti".

“La UEFA sostiene fortemente il calcio femminile e gli arbitri donne, e questo è stato un fattore determinante".

Recentemente Steinhaus ha raggiunto un altro importante traguardo. La prossima stagione infatti diventerà il primo arbitro donna a dirigere partite di Bundesliga maschile in Germania – un premio non solo per le sue doti di arbitro ma anche per il suo grande impegno nel corso degli anni.

“Sono diventata arbitro perché non ero una grande calciatrice, e arbitrare è entrato nel mio sangue. Semplicemente mi piace fare ciò che faccio".

Steinhaus sa che il rispetto è un fattore fondamentale nel calcio, tra giocatori, allenatori, arbitri e chiunque nella partita. "Indossiamo tutti nella maglietta i badge 'Respect', ma dovremmo davvero considerare il rispetto come un valore fondamentale nelle nostre vite. Lavoriamo tutti sullo steso 'prodotto' - il calcio - e dobbiamo essere uniti e 'vendere' questo prodotto come un qualcosa di potenzialmente universale".

La squadra arbitrale di Cardiff sarà concentrata e unita. Tutti gli ufficiali di gara utilizzeranno le fondamentali competenze nella gestione degli individui che gli arbitri devono avere per riuscire nel proprio lavoro.

“Credo fermamente che la gestione delle persone sia una parte fondamentale dell'arbitraggio. La stessa cosa accade nella vita – come si reagisce alle persone e come loro rispondono alla tua reazione. Un arbitro deve prendere delle decisioni in campo... metà dei giocatori sono d'accordo con la tua scelta mentre l'altra metà no! Questo è il lavoro di chi deve prendere decisioni, e la stessa cosa accade nella vita".

“Mi domando sempre: 'Ho fatto il lavoro migliore possibile? Mi sono preparata nel modo giusto? Ho fatto il possibile per prendere la decisione corretta?' Se posso dire di aver fatto tutte queste cose, allora mi sento a posto con la me stessa e con la mia coscienza..."

In alto