I vincitori degli UEFA Grassroots Awards 2019

Inghilterra, Germania, Polonia, Norvegia e Scozia vincono i premi destinati ai leader, club e progetti europei che si contraddistinguono per l'eccellenza nel calcio di base.

I vincitori dei premi nella sede UEFA
I vincitori dei premi nella sede UEFA ©UEFA

Inghilterra, Germania, Polonia, Norvegia e Scozia hanno vinto il primo premio nelle rispettive categorie agli UEFA Grassroots Awards 2019, destinati ai leader, club e progetti europei che si contraddistinguono per l'eccellenza nel calcio di base.

Tutte le federazioni UEFA sono state invitate a presentare le loro proposte, che quest'anno sono state 143. I vincitori dei premi sono stati annunciati per festeggiare la UEFA Grassroots Week, durante la quale si svolgono attività in tutta Europa per incoraggiare la partecipazione al calcio in tutte le sue forme.

Quest'anno, il numero di prestigiosi UEFA Grassroots Awards è aumentato da tre a cinque, con l'aggiunta delle categorie Best Disability Initiative e Best Professional Football Club.

I vincitori degli UEFA Grassroots Awards 2019 nella sede UEFA
I vincitori degli UEFA Grassroots Awards 2019 nella sede UEFA©UEFA

Fatima Hussein (Inghilterra), “Kick off for a new life” (Germania), Alternative Sports Club ZŁY (Polonia), Star League (Norvegia) e Aberdeen FC (Scozia) si sono aggiudicati il primo premio nelle seguenti cinque categorie: Best Grassroots Leader, Best Grassroots Project, Best Grassroots Club, Best Disability Initiative e Best Professional Football Club. 

Il presidente UEFA Aleksander Čeferin ha premiato i vincitori presso la Casa del Calcio Europeo di Nyon. Agli altri candidati meritevoli sono stati consegnati il secondo e il terzo premio.

La UEFA Grassroots Week si svolge in concomitanza con la Settimana Europea dello Sport, in collaborazione con la Commissione europea.

Per la UEFA, il calcio di base è fondamentale perché consente anche a quello d'elite di rimanere in buona salute. Il calcio si fonda sulle sue radici, che vengono tenute in vita da migliaia di volontari, progetti e club in tutta Europa. I premi UEFA sono concepiti proprio per celebrare e promuovere il loro importante lavoro.

"Un calcio di base vivace è essenziale per il bene di questo sport - ha commentato il presidente UEFA Aleksander Čeferin -. Voglio fare in modo che la UEFA continui a lavorare in stretta collaborazione con tutte le federazioni per dare a chiunque la possibilità di divertirsi con lo sport che tutti noi amiamo. Lo slogan "Football First" (prima il calcio) sarà centrale nella strategia UEFA per gli anni a venire: senza radici sane, il calcio non può prosperare".

Vincitori degli UEFA Grassroots Awards 2019:

Aleksander Čeferin e Fatima Hussein
Aleksander Čeferin e Fatima Hussein©UEFA

Best Grassroots Leader
Primo premio – Fatima Hussein (Inghilterra)

Fatima, giovane musulmana del nordovest di Londra, ha scelto il calcio per migliorare la sua vita e far crescere la sua comunità attraverso il volontariato. Allenatrice e arbitro qualificata, si dedica al calcio sotto ogni aspetto nella sua scuola e nella comunità locale, allenando i bambini e arbitrando le partite delle categorie maggiori femminili.

Il secondo premio va a Gary McLaughlin (Scozia) per l'organizzazione e il coordinamento di attività di calcio camminato in Scozia. Tomasz Wilman (Polonia) si aggiudica il terzo premio per il suo lavoro con i bambini diversamente abili.

Eugen Gehlenborg (DFB), Aleksander Čeferin, Tobias Wrzesinski e Nico Kempf (Sepp Herberger Foundation), Nadine Kessler (ambasciatrice della fondazione)
Eugen Gehlenborg (DFB), Aleksander Čeferin, Tobias Wrzesinski e Nico Kempf (Sepp Herberger Foundation), Nadine Kessler (ambasciatrice della fondazione)©UEFA

Best Grassroots Project
Primo premio: “Kick off for a new life” (Germania)

Questo progetto di riabilitazione sociale sfrutta il calcio per preparare i detenuti alla libertà, aiutandoli a trovare un lavoro e a evitare recidive attraverso il calcio, l'istruzione e i moduli di integrazione sociale. Insieme a una fitta rete di partner, la Sepp Herberger Foundation della DFB conduce il progetto e lavora in 22 carceri tedesche.

Tears of the King (Lettonia) vince il secondo premio per un'iniziativa che aiuta i genitori dei giovani calciatori a valutare il loro comportamento nell'ambiente calcistico. Il terzo premio va al progetto Ladies Football Club Bijeljina (Bosnia ed Erzegovina), che promuove l'integrazione sociale dei bambini di gruppi emarginati.

Aleksander Čeferin, Karolina Szumska (Alternative Sports Club ZŁY), Rafal Lipski (Alternative Sports Club ZŁY)
Aleksander Čeferin, Karolina Szumska (Alternative Sports Club ZŁY), Rafal Lipski (Alternative Sports Club ZŁY)©UEFA

Best Grassroots Club
Primo premio: Alternative Sports Club ZŁY (Polonia)

Questo club di Varsavia è stato creato dai tifosi ed è amministrato direttamente da tifosi, atleti e allenatori. La società sportiva del quartiere Praga di Varsavia ha squadre maschili e femminili, organizza corsi calcistici gratuiti per profughi e si dedica anche all'inclusione dei diversamente abili.

Secondo premio per l'SV Donau Klagenfurt (Austria), club composto in maggioranza da migranti con l'obiettivo principale di promuovere l'integrazione e l'inclusione attraverso il calcio. Il terzo premio va all'FC Elva (Estonia), un club che sfrutta lo sport per promuovere lo spirito di comunità e uno stile di vita sano nella città di Elva.

Aleksander Čeferin e Tove Iren Vindenes (Star League)
Aleksander Čeferin e Tove Iren Vindenes (Star League)©UEFA

Best Disability Initiative
Gold: Star League (Norvegia)

La Star League è un campionato a cadenza bimestrale per giocatori diversamente abili. Organizzato dalla Federcalcio norvegese nella contea di Hordaland, incoraggia la partecipazione per giocatori di qualsiasi livello di abilità o genere.

"Un gol per l’inclusione", UPD Isolotto (Italia) vince il secondo premio per il suo progetto che cerca di favorire l'integrazione nel calcio dei bambini diversamente abili. Il terzo premio va al club Glentoran Disability FC (Irlanda del Nord), che lavora con la comunità organizzando attività calcistiche per uomini e donne diversamente abili.

Andrew Gould (direttore settore sviluppo della Federcalcio scozzese), Robert Wicks (direttore commerciale Aberdeen FC) e Aleksander Čeferin
Andrew Gould (direttore settore sviluppo della Federcalcio scozzese), Robert Wicks (direttore commerciale Aberdeen FC) e Aleksander Čeferin©UEFA

Best Professional Football Club
Primo premio: Aberdeen FC (Scozia)

Il rapporto tra la Aberdeen FC Community Trust (AFCCT) e la Federcalcio scozzese è un modello di collaborazione a livello nazionale. Il club di Scottish Premiership coinvolge più di 20.000 persone in progetti dedicati a tre aree principali: calcio per la vita, formazione e comunità sane.

L'FC Internazionale Milano (Italia) si aggiudica il secondo premio per il suo lavoro nel calcio di base, in particolare con un progetto che cerca di insegnare i valori più importanti attraverso il calcio a bambini e ragazzi in età scolare. Terzo premio per la Cardiff City FC Community Foundation (Wales) per la sua strategia che sfrutta il richiamo del calcio per ispirare bambini, ragazzi e famiglie a sfruttare tutte le loro potenzialità.

Come sono stati scelti i vincitori degli UEFA Grassroots Award

Gli UEFA Grassroots Awards si svolgono annualmente dal 2010 per premiare l'eccellenza nel calcio di base. Ogni anno, le federazioni di tutta Europa sono invitate a presentare le loro candidature. Il Comitato Esecutivo UEFA ratifica i premi in base alle segnalazioni del Panel UEFA Grassroots e del Comitato Sviluppo e Assistenza Tecnica UEFA.

In alto