FARE felice per risposta UEFA alle Action Week

Le partite europee di questa settimana hanno permesso alla UEFA di contribuire alla lotta contro il razzismo nell’ambito delle Action Week della rete FARE (Football Against Racism in Europe).

©Getty Images

Questa settimana, il calcio europeo ha colto l'opportunità di dire no al razzismo, all'intolleranza e alla discriminazione con le Action Week della rete FARE (Football Against Racism in Europe). Le partite delle competizioni UEFA per club hanno offerto una piattaforma di alto profilo per dare risalto alla lotta a queste piaghe che affliggono il calcio.

Le gare di UEFA Champions League di martedì e mercoledì e quelle di UEFA Europa league di giovedì hanno permesso alla UEFA di sostenere le FARE Action Week e di reclamizzare la propria iniziativa Unite Against Racism, ribadendo una politica di tolleranza zero verso il razzismo.

La campagna antirazzismo gode della massima esposizione durante le FARE Action Week, che si svolgono dal 12 al 25 ottobre e prevedono la partecipazione di tifosi, giocatori, club, gruppi di comunità, federazioni calcistiche, autorità locali e media.

Prima delle 16 partite della terza giornata della fase a gironi UEFA Champions League, è stato trasmesso su maxischermo lo spot di 30 secondi "No al razzismo", mentre gli altoparlanti hanno diffuso uno speciale comunicato. Le 32 squadre sono state accompagnate in campo da bambini con le T-shirt di Unite Against Racism, mentre ai capitani è stato chiesto di indossare la stessa fascia.

Data la portata globale della UEFA Champions League in particolare, il messaggio antirazzismo è stato visto da migliaia di spettatori allo stadio e milioni di telespettatori. La rete FARE, partner della UEFA da 10 anni nella lotta al razzismo in campo e negli stadi, è lieta per il grande sostegno alle Action Week.

"Siamo molto soddisfatti per il responso alle FARE Action Week di quest'anno - ha dichiarato il direttore Esecutivo della rete FARE, Piara Powar, ringraziando la UEFA dopo le partite europee -. Le attività organizzate da comunità, tifosi, club e federazioni hanno superato quelle dell'anno scorso e hanno contribuito a una presa di posizione contro la discriminazione, celebrando al tempo stesso la diversità nel calcio".

"Il tema di quest'anno, 'Gente di calcio', fa capire la nostra posizione con un messaggio di integrazione al quale tutti i portatori di interesse possono fare riferimento. Nei prossimi mesi svilupperemo ulteriormente questo tema, che certamente diventerà un elemento essenziale dei nostri messaggi".

Per maggiori informazioni sulle Action Week, visitare il sito farenet.org.

In alto