UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Chiunque può salvare una vita: le squadre di Nations League e EURO Under 21 imparano la rianimazione cardiopolmonare

I giocatori delle fasi finali di Nations League ed EURO Under 21 hanno frequentato un corso sulla rianimazione cardiopolmonare.

Gianluigi Donnarumma e i compagni imparano la RCP.
Gianluigi Donnarumma e i compagni imparano la RCP. Italian Football Federation

Insieme allo European Resuscitation Council (ERC), la UEFA vuole insegnare la rianimazione cardiopolmonare (RCP) a più di 12.000 persone, tra cui giocatori, allenatori, arbitri, staff e tifosi, in modo che chiunque possa agire rapidamente in caso di arresto cardiaco e aumentare le probabilità di sopravvivenza fino a tre volte.

Dopo il successo del primo corso di formazione sulla RCP con le squadre della Finalissima femminile ad aprile, la UEFA e l'ERC hanno continuato il programma in occasione delle finals di Nations League nei Paesi Bassi.

I giocatori di Spagna, Italia, Paesi Bassi e Croazia hanno avuto la preziosa opportunità di imparare le tecniche di RCP sotto la guida di esperti, che li hanno dotati delle competenze essenziali per le manovre RCP di emergenza.

Paolo Corbi, Responsabile Ufficio Comunicazione FIGC e Nazionali

“Per la prima volta, lo staff e i giocatori della nazionale italiana hanno potuto partecipare attivamente a una formazione sul primo soccorso e hanno dimostrato una voglia autentica di imparare. Il ricordo dell'ultimo Europeo è ancora molto forte nella memoria di tutti gli azzurri. Per tutto l'incontro c'è stata una partecipazione attiva, sia nell'ascolto sia nel cercare di apprendere le tecniche di rianimazione in caso di arresto cardiaco. I calciatori e lo staff hanno voglia di approfondire un percorso che li riguarda, da giocatori ma soprattutto da responsabili”.

Mohamed Simakan, giocatore della Francia Under 21

"Abbiamo imparato molto. Gli incidenti gravi possono accadere per strada e anche in campo, ovunque. Le manovre di primo soccorso che abbiamo imparato oggi sono davvero importanti e possono aiutarci a reagire in situazioni di emergenza. È molto utile per il futuro e siamo molto grati alla UEFA e alla Federcalcio francese per aver organizzato il corso. Speriamo di non averne bisogno, ma se dovesse succedere sappiamo come comportarci".

Nikola Soldo, giocatore della Croazia Under 21

"Il corso RPC a cui abbiamo partecipato prima di EURO Under 21 è stato davvero utile. Tutti dovrebbero avere nozioni di primo soccorso; spero che con questa iniziativa possiamo contribuire tutti a una maggiore consapevolezza pubblica di quanto sia importante la formazione sulla RCP, e di quante vite possiamo salvare se mai dovessimo trovarci nella situazione".

L'iniziativa è stata inizialmente presentata al Simposio Medico UEFA di febbraio, dove la UEFA e l'ERC hanno annunciato di voler insegnare la RPC a oltre 12.000 persone per salvare fino a 100.000 vite solo in Europa ogni anno.

Anche le squadre che partecipano a EURO Under 21 in Georgia e Romania hanno frequentato il corso di rianimazione cardiopolmonare prima del torneo. L'iniziativa sarà estesa alle squadre impegnate in vari tornei giovanili e di futsal per tutto l'anno. Inoltre, impareranno la RCP anche lo staff UEFA, i membri delle 55 federazioni europee e i volontari che lavoreranno a UEFA EURO 2024 in Germania.

Maggiori informazioni sull'iniziativa

RPC: impariamo i passaggi

1) Se la persona non risponde e ha una respirazione assente o anomala (controlla)

2) Chiamare i servizi di emergenza (chiama)

3) Effettuare 30 compressioni toraciche (comprimi)

4) Fai 2 respirazioni artificiali (bocca a bocca)

5) Continua con lo schema 30:2

6) Non appena arriva il defibrillatore automatico esterno (DAE), accendilo e segui le istruzioni.

Chiunque può farla, tutti dovrebbero conoscerla: la rianimazione cardiopolmonare può salvare la vita, compresa la tua e quella dei tuoi cari. Non aspettare: imparala.

Trova un centro di formazione CPR vicino a te