Nove federazioni in corsa per ospitare le finali del 2021

La UEFA ha annunciato oggi di aver ricevuto i dossier di candidatura da nove federazioni affiliate per ospitare le finali delle competizioni UEFA per club del 2021.

©UEFA.com

011 - La scelta delle sedi verrà fatta a maggio e settembre 2019

La UEFA ha ricevuto i dossier di candidatura da nove federazioni affiliate per ospitare le finali delle competizioni UEFA per club del 2021.

La procedura di gara per la scelta degli stadi che ospiteranno le finali di UEFA Champions League, UEFA Europa League, UEFA Women’s Champions League e Supercoppa UEFA nel 2021, è stata lanciata nell'ottobre 2018 (vedi comunicato stampa).

In totale nove federazioni hanno inviato il proprio dossier di candidatura alla UEFA entro la scadenza del 15 febbraio 2019.

UEFA Champions League:

  • Germania, Monaco, Arena München
  • Russia, San Pietroburgo, Saint Petersburg Stadium

UEFA Europa League:

  • Georgia, Tbilisi, Boris Paichadze Erovnuli Stadioni – Dinamo Arena
  • Spagna, Siviglia, Ramón Sánchez Pizjuán

Supercoppa UEFA:

  • Bielorussia, Minsk, Dinamo Stadium
  • Finlandia, Helsinki, Helsinki Olympic Stadium
  • Irlanda del Nord, Belfast, National Football Stadium of Windsor Park
  • Ucraina, Kharkiv, Metalist Stadium

UEFA Women’s Champions League:

  • Svezia, Gothenburg, Gamla Ullevi

Nella giornata del 29 maggio, il Comitato Esecutivo UEFA sceglierà le federazioni che ospiteranno le finali di UEFA Europa League, UEFA Women's Champions League e Supercoppa UEFA.

La decisione sulla finale di UEFA Champions League del 2021 sarà presa invece nel settembre 2019. Il processo di offerta non verrà riaperto e rimarrà riservato agli offerenti registrati.

La UEFA ha inoltre annunciato oggi di aver aperto il processo di offerta per le finali di UEFA Champions League del 2022 e 2023, le cui sedi verranno anch'esse scelte nel settembre 2019. Le federazioni UEFA potranno confermare la propria intenzione di presentare un'offerta per le finali sopra menzionate (2022 e 2023) entro il 22 marzo 2019.

In alto