UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

La Croazia spera in un felice ritorno a casa

La Croazia giocherà la sua prima fase finale nell'ultimo decennio quando darà vita al match inaugurale di UEFA Futsal EURO 2012, ma il coach Mato Stanković ha fiducia nella squadra.

La Croazia spera in un felice ritorno a casa
La Croazia spera in un felice ritorno a casa ©Ruslan Mikayilli/Azerisport.com

Il 31 gennaio, l'ospitante Croazia darà il via a UEFA Futsal EURO 2012 contro la Romania a Spalato, inserita  insieme alla Repubblica Ceca nello stesso Gruppo e anch'essa alla prima partecipazione alla fase finale del torneo dopo più di dieci anni. L'allenatore Mato Stanković, di ritorno dall'esperienza positiva con la Libia, guida la Croazia dal 2010 e parla a UEFA.com degli obiettivi e della preparazione della squadra.

UEFA.com: Cosa sa dei vostri avversari nel Gruppo?

Mato Stanković: Li conosciamo bene. La nazionale croata ha già incontrato i cechi molte volte nelle qualificazioni prima del mio arrivo e, anche se i risultati non ci hanno premiato, va detto che le partite erano tutte equilibrate e che solo alcuni dettagli hanno deciso il vincitore. Contro la Romania abbiamo giocato due match amichevoli in Croazia lo scorso anno, vincendone uno e perdendone un altro. Sono una buona squadra con un coach spagnolo, ma non sono imbattibili.

UEFA.com: Quali sono le ambizioni?

Stanković: Per ora puntiamo a superare il turno, sarebbe una cosa auspicabile essendo il paese ospitante. Quindi faremo di tutto per centrare questo risultato, il resto lo si vedrà.

UEFA.com: La Croazia non gioca una fase finale da molto tempo, pensa che sarà in grado di tener testa a nazionali più esperte?

Stanković: Anche se potrei dire che sono preoccupato per mettere un po' le mani avanti credo che ci siano solo quattro-cinque squadre che sono realmente migliori di noi, con le altre ce la giochiamo.

UEFA.com: Cosa si aspetta dall'atmosfera?

Stanković: Spero che le gente realizzi che questo è l'unico torneo importante che la Croazia organizzerà quest'anno, e poi che si renda conto che il Futsal non è un passatempo ma uno sport. Detto questo, siamo noi a dover giocare bene e a dover fare risultato per motivare i tifosi.

UEFA.com: Quali sono i punti di forza?

Stanković: Siamo giovani e siamo una squadra nuova, questo può sorprendere gli avversari. Credo che giocheremo in maniera molto aggressiva, anche perché la squadra precedente aveva molte qualità ma era come impaurita. Dirò ai ragazzi che, anche se qualche squadra è migliore di noi ce la possiamo giocare con tutte.