UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Jarni accoglie Futsal EURO a braccia aperte

L'ambasciatore di UEFA Futsal EURO 2012, che comincerà il 31 gennaio, ha spiegato che il torneo sarà "uno dei più grandi eventi" mai organizzati in Croazia e ha raccontato a UEFA.com la sua passione per questo sport.

Robert Jarni è l'amabasciatore di UEFA Futsal EURO 2012
Robert Jarni è l'amabasciatore di UEFA Futsal EURO 2012 ©UEFA.com

L'ex nazionale croato Robert Jarni è l'ambasciatore ideale per UEFA Futsal EURO 2012: dopo aver concluso la sua carriera calcistica ha infatti praticato il futsal ad alti livelli, arrivando anche a vestire la maglia della nazionale. In vista dell'inizio del torneo, che si disputerà a Zagabria e Spalato a partire dal 31 gennaio, Jarni ha parlato a UEFA.com delle sue aspettative per la rassegna continentale e della sua passione per questo sport.

UEFA.com: Che cosa rappresenta per la Croazia questo torneo?

Robert Jarni: La Croazia ha già ospitato campionati europei e mondiali di altri sport, ma credo che Futsal EURO sia uno dei più grandi eventi mai organizzati dal mio paese.

UEFA.com: Potresti raccontarci il tuo primo incontro con il futsal?

Jarni: Ho iniziato da bambino, quando lo praticavo per le strade della mia città natale, Cakovec. Poi, quando ho chiuso la mia carriera nel calcio ho giocato per quattro anni con l'MNK Split. La squadra era molto competitiva e vincemmo tre campionati nazionali e diverse coppe. Ho anche preso parte alla UEFA Futsal Cup, ma in quell'occasione non fui particolarmente fortunato, perché affrontammo l'Interviú, una delle migliori formazioni d'Europa.

UEFA.com: Che cosa ti piace del futsal?

Jarni: Le differenze rispetto al calcio sono molteplici. Innanzitutto amo la velocità di pensiero del futsal: nel calcio ci sono spazi ampi ed è possibile rifiatare, mentre quando si gioca quattro contro quattro non si può rallentare l'azione o tenere il pallone fra i piedi troppo a lungo, altrimenti si rischia di pagare un prezzo molto salato. Anche la tattica è fondamentale: se si paragona la finale di Coppa del Mondo [FIFA Futsal del 1996] fra Brasile e Spagna a quella successiva [del 2000] fra le stesse due squadre, appare chiaro come la Spagna sia riuscita ad imporsi nella seconda occasione esclusivamente grazie al suo approccio tattico.

UEFA.com: Il futsal è popolare in Croazia?

Jarni: Non conosco molto la realtà dell'area di Zagabria, anche se so che i club sono numerosi, ma per quanto riguarda Spalato ci sono almeno sette o otto campionati differenti per giocatori di diverse fasce d'età. Le partite fanno quasi sempre registrare il tutto esaurito e questo è fantastico. Futsal EURO sarà un evento straordinario e sono sicuro che l'Arena Split sarà stracolma ad ogni gara.

UEFA.com: Quali sono le possibilità della Croazia?

Jarni: Credi che Spagna, Italia, Portogallo, Ucraina e Russia siano un gradino sopra le altre squadre. La Croazia ha giocatori di qualità, ma come ho detto prima in questo sport la tatica è importante, soprattutto in un torneo come questo. Anche se dovessimo venire eliminati nella prima fase, sarebbe comunque un'esperienza straordinaria.

UEFA.com: Quali squadre osserverai con maggiore interesse?

Jarni: La Spagna ha dimostrato di essere la più forte in questo sport, sia a livello di club che di nazionale. Poi c'è l'Italia, che ha la stessa solidità e compattezza della nazionale di calcio, e anche il Portogallo è una squadra interessante. Ucraina e Russia sono due volti nuovi, ma sono entrambe cresciute molto recentemente.

UEFA.com: la regione dei Balcani è nota per aver sfornato molti giocatori di grande talento. Credi che il futsal sia lo strumento ideale per accrescere ulteriormente il tasso tecnico di un giocatore?

Jarni: Assolutamente sì eanche se non ha la stessa popolarità del calcio il numero di praticanti sta salendo esponenzialmente. Credetemi, giocare a futsal non è uno scherzo e devo ammettere per esperienza che le sedute di allenamento sono ben più faticose che nel calcio. Quando hai il pallone fra i piedi il tempo per pensare è sempre poco, ma le soddisfazioni che questo sport regala sono immense.