Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Supercoppa 1973: l'Ajax rompe il ghiaccio

L'Ajax travolge il Milan e vince la prima Supercoppa approvata dalla UEFA.

Un'immagine dell'Ajax
Un'immagine dell'Ajax ©Getty Images

AC Milan - Ajax 1-0
(Chiarugi 77')

Ajax - AC Milan 6-0
(Mulder 26', Keizer 35', Neeskens 71', Rep 81', Mühren 84' rig., Haan 87')
Ajax vince 6-1 (tot.)

La Supercoppa viene disputata per la prima volta nel gennaio del 1973, su idea di un giornalista olandese che vuole la superiorità dell’Ajax, vincitore della Coppa del Campioni 1972, sui Rangers trionfatori in Coppa delle Coppe. I Rangers, ben felici di festeggiare adeguatamente il loro centenario, accettano il doppio confronto della sfida. L’Ajax rovinò in parte quella festa, vincendo prima 3-1 a Glasgow e poi 3-2 in casa al ritorno.

Dopo quella prima finale “dimostrativa”, la UEFA assume l'organizzazione della sfida per la seconda finale, che vede nuovamente l’Ajax, ancora una volta campione d’Europa, contro il Milan, vincitore della Coppa delle Coppe. Il doppio confronto viene disputato nel gennaio del 1974. Match equilibratissimo a San Siro il 9 gennaio. Il Milan si impone 1-0 grazie alla rete di Luciano Chiarugi al 77’ davanti a 15.000 spettatori.

Un vantaggio troppo esiguo, ribaltato già alla fine del primo tempo ad Amsterdam 1l 16 gennaio davanti a 25.000 spettatori. William Vecchi viene battuto prima da Jan Mulder al 26’ poi da Pieter Keizer al 35’.

L’Ajax dilaga nella ripresa con Johann Neeskens al 71’, Johnny Rep all’81’, Gerardus Mühren su rigore all'83' e Arend Haan, per il definitivo 6-0, all’87’.

Alla fine i Lancieri si imporranno dunque con un 6-1 complessivo. La successiva finale di Supercoppa UEFA venne disputata due anni dopo. L'edizione 1974 non fu infatti giocata perché i tedeschi occidentali del Bayern München, campioni d'Europa, e i cugini orientali del Magdeburg, vincitori della Coppa delle Coppe, non si accordarono mai per una data.

In alto