UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

L'uomo "bionico" fa 800 in Romania

Javier Zanetti si prepara a giocare l'800esima partita con la maglia dell'Inter e Andrea Stramaccioni pensa a come "clonare il capitano" alla viglia della sfida contro il Vaslui.

Javier Zanetti in allenamento
Javier Zanetti in allenamento ©AFP/Getty Images

Il tecnico dell’FC Internazionale Milano Andrea Stramaccioni ha reso omaggio al suo personale Steve Austin (L’uomo da sei milioni di dollari ndr) alla vigilia della sfida di UEFA Europa in casa dell’SC Vaslui.

Javier Zanetti è pronto a collezionare la presenza numero 800 con la maglia dell’Inter in Romania e Stramaccioni, tre anni più giovane del suo capitano, ha speso grandi parole per l’argentino. "E’ davvero  incredibile, penso di non averle nemmeno viste 800 partite in tutta la mia vita – ha detto -. Dovremmo clonarlo il nostro capitano, non è umano, è bionico”.

Sono passati 17 anni da quando è arrivato dal CA Banfield, un trasferimento che lui ha descritto nell’ultima edizione di Champions, e da allora Zanetti ha fatto collezione di record e trofei, il più importante di tutti quello della UEFA Champions League conquistato nel 2010.

“Sinceramente quando ho giocato la mia prima partita con questa maglia non avrei mai pensato che sarebbe potuta essere la prima di 800 – ha detto Zanetti -. Mi riempie di orgoglio, soprattutto perché ho raggiunto questi traguardi all'interno di una grande famiglia come quella nerazzurra”.

“La notte prima dell'esordio con l'Inter non dormii  perché giocare a San Siro era già come un sogno – ha continuato -.  La partita più importante di tutte però è la finale di Champions League, il traguardo che aspettavamo da tantissimo tempo e che finalmente è arrivato con un successo indimenticabile".

Messi da parte quei trionfi, l’Inter prenderà seriamente l’impegno con il Vaslui, soprattutto dopo i rischi corsi al ritorno contro l’HNK Hajduk Split. "Credo che loro erano la squadra più forte tra quelle che non erano teste di serie – ha avvisato Stramaccioni -. Considerando il loro valore potevano tranquillamente giocarsi i preliminari di UEFA Champions League".  Anche Zanetti, lì, non avrebbe di certo sfigurato.