UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Squadra del torneo 1972

Dall'archivio: la squadra ideale dei Campionati Europei UEFA 1972 è dominata da giocatori della Germania Ovest come Franz Beckenbauer, Paul Breitner, Uli Hoeness, Günter Netzer, Herbert Wimmer, Jupp Heynckes e Gerd Müller.

Gerd Müller ha segnato 11 gol nel corso del torneo con la Germania Ovest
Gerd Müller ha segnato 11 gol nel corso del torneo con la Germania Ovest ©empics

PORTIERE

Evgeni Rudakov (Unione Sovietica)
Rudakov ha partecipato al Campionato Europeo UEFA del 1972 dopo aver vinto il titolo di Giocatore dell'Anno in Unione Sovietica. Anche se nato a Mosca, il portiere ha trascorso quasi tutta la carriera alla Dynamo Kyiv, vincendo sei campionati sovietici e due coppe nazionali con 205 gol subiti in 297 partite. Mai sceso in campo alla Coppa del Mondo FIFA 1970, Rudakov è stato titolare nel 1972 in Belgio, dove ha consolidato la sua reputazione parando un calcio di rigore in semifinale contro l'Ungheria. L'Unione Sovietica ha così difeso l'1-0 e si è qualificata per la finale, persa 3-0 contro la Germania Ovest.

DIFENSORI

Revaz Dzodzuashvili (Unione Sovietica)
L'affidabile Dzodzuashvili si è fatto conoscere a livello internazionale con le ottime prestazioni in Coppa del Mondo FIFA 1970 e al Campionato Europeo UEFA 1972. Terzino di grande esperienza, ha vinto anche una medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Monaco, poco dopo gli Europei del 1972. Georgiano di nascita, Dzodzuashvili è stato uno dei pilastri dell'FC Dinamo Tbilisi, che ha allenato successivamente. Inoltre, è stato Ct della Georgia insieme a David Kipiani e della Lettonia. Nel 2006/07, ha guidato l'Olimpi Rustavi al titolo nella sua nazione.

Franz Beckenbauer riceve la coppa
Franz Beckenbauer riceve la coppa

Franz Beckenbauer (Germania Ovest)
Beckenbauer, uno dei massimi campioni nella storia del calcio, ha confermato la sua grandezza portando la Germania Ovest alla vittoria del primo titolo europeo. Libero e capitano di grande carisma, ha permesso alla squadra di dominare nel 1972 e di imporsi a livello mondiale due anni dopo. Con il Bayern München ha invece vinto tre Coppe dei Campioni consecutive (1974-76) e due Palloni d'Oro (1972 e 1976). In seguito è stato Ct della Germania, con la quale ha vinto la Coppa del Mondo del 1990.

Murtaz Khurtsilava (Unione Sovietica)
Votato miglior giocatore georgiano degli ultimi 50 anni, Khurtsilava è stato un difensore deciso e tenace. Ha capitanato l'Unione Sovietica agli Europei del 1972, sei anni dopo aver conquistato il quarto posto alla Coppa del Mondo FIFA in Inghilterra. Inoltre, ha partecipato alla Coppa del Mondo 1970 e alle Olimpiadi di Monaco del 1972 (medaglia di bronzo), collezionando in totale 70 presenze. Non ha mai vinto il titolo sovietico con l'amata Dinamo Tbilisi, che ha però allenato e portato alla vittoria del campionato nel 1998 e 1999. Inoltre, è stato assistente del Ct Aleksandr Chivadze nella nazionale georgiana.

Murtaz Khurtsilava
Murtaz Khurtsilava

Paul Breitner (Germania Ovest)
Mai timoroso di dire la sua fuori dal campo, Paul Breitner ha sempre preferito che a parlare fosse il calcio. Si è imposto sulla scena internazionale agli Europei UEFA del 1972, dove si è fatto notare per la barba e i capelli crespi. Terzino sinistro dalla spiccata vocazione offensiva, è stato titolare anche nella squadra di Helmut Schön che ha vinto il mondiale due anni dopo, segnando il rigore del pareggio contro l'Olanda in finale. Nel 1974 ha lasciato il Bayern München per il Real Madrid, ma nel 1978 è tornato nella formazione bavarese. La sua ultima partita in nazionale (la numero 48) è stata la finale della Coppa del Mondo 1982 contro l'Italia, nella quale ha segnato il gol della bandiera.

CENTROCAMPISTI

Uli Hoeness (Germania Ovest)
Costretto al ritiro a soli 27 anni, Hoeness ha avuto una carriera breve quanto brillante. Dal 1971 al 1976 ha conquistato tre titoli in Bundesliga e tre Coppe dei Campioni con l'FC Bayern München, vincendo gli Europei del 1972 e i Mondiali del 1974 con la Germania Ovest. Nel 1976 ha sfiorato il bis agli Europei, sbagliando però un calcio di rigore nella finale contro la Cecoslovacchia. Anche se un infortunio al ginocchio ha messo fine alla sua carriera da giocatore.

Paul Breitner
Paul Breitner

Günter Netzer (Germania ovest)
Nel 1972, Netzer era considerato uno dei migliori centrocampisti del mondo grazie a un tocco vellutato, un'ampia visione di gioco e una grande abilità nei passaggi (per non menzionare la cascata di capelli biondi). Il regista del Borussia Mönchengladbach non ha tardato a mettersi in luce e ha esordito in nazionale nel 1965; la vera esplosione, però, è arrivata al Campionato Europeo UEFA del 1972. Alla leggendaria prestazione contro l'Inghilterra a Wembley nella gara d'andata dei quarti di finale, che ha portato la Germania ovest alla prima vittoria nel prestigioso stadio, hanno fatto seguito quelle altrettanto memorabili in semifinale contro il Belgio e in finale contro l'Unione Sovietica. Anche se ha vinto due titoli con il Real Madrid, Netzer ha indubbiamente toccato l'apice della carriera nel 1972.

Herbert Wimmer (Germania Ovest)
Spesso considerato "la guarda del corpo di Netzer", Wimmer ha protetto il suo compagno di club facendo gran parte del lavoro sporco. Ha trascorso l'intera carriera al Borussia Mönchengladbach, disputando 366 partite in Bundesliga e vincendo cinque titoli e la Coppa UEFA del 1975. Ha anche collezionato 36 presenze in nazionale: su tutte spiccano quelle al Campionato Europeo UEFA 1972, dove ha rubato parte della scena a Netzer segnando il secondo gol in finale contro l'Unione Sovietica. Vigoroso e infaticabile, Wimmer è stato impiegato parzialmente in Coppa del Mondo FIFA 1974 (così come Netzer), collezionando solo due presenze a gara iniziata.

ATTACCANTI

Raoul Lambert (Belgio)
Al Campionato Europeo UEFA del 1972, il Belgio disponeva di due grandi attaccanti: il capitano Paul Van Himst dell'Anderlecht, che era il più celebrato, è stato messo in ombra da Lambert, autore del primo gol del Belgio nel 2-1 sull'Ungheria nella finale per il terzo posto. 'Lotte' è inoltre andato a segno due volte in altrettante partite alla Coppa del Mondo FIFA 1970. Ha trascorso l'intera carriera al Club Brugge KV, segnando 270 gol in 458 partite, ed è stato capocannoniere nella sua nazione nel 1971/72 con 17 reti 17. In nazionale ha collezionato 18 gol in 33 presenze.

Herbert Wimme
Herbert Wimme

Jupp Heynckes (Germania Ovest)
Prolifico attaccante del VfL Borussia Mönchengladbach, con il quale ha vinto quattro campionati e la Coppa UEFA 1975, Heynckes ha avuto la sfortuna di giocare nello stesso periodo di Gerd Müller. Grazie al suo invidiabile ruolino, 'Der Bomber' era sempre stato la prima punta della Germania Ovest. Nel 1972, però, il Ct Helmut Schön ha deciso di schierare i due attaccanti insieme. In totale, Heynckes ha segnato 14 gol in 39 presenze con la Germania, 220 gol in 365 presenze in Bundesliga e 51 gol in 64 presenze nelle competizioni europee per club. In seguito è diventato allenatore, vincendo la UEFA Champions League nel 1998 e nel 2013 e ritirandosi subito dopo.

Gerd Müller (Germania Ovest)
Forse il più grande realizzatore nella storia del calcio, Müller ha segnato 365 gol in 427 partite di Bundesliga con il Bayern Monaco, 66 gol in 74 gare europee per club e, soprattutto, 68 gol in 62 presenze con la nazionale. 11 di questi sono arrivati agli Europei UEFA 1972, compresi i due in finale contro l'Unione Sovietica. Ha vinto il Pallone d'Oro 1970 dopo aver segnato 10 gol in Coppa del Mondo FIFA, mentre quattro anni dopo ne ha realizzati altrettanti, compreso quello decisivo in finale contro l'Olanda. Si trattava dell'ultima marcatura di Der Bomber che, a soli 28 anni, si ritirava a sorpresa dalla nazionale "per motivi personali".