Un calciatore modello, più che un modello: premiato David Beckham

A 43 anni, David Beckham ha ricevuto il Premio del Presidente UEFA per il suo grande contributo al calcio europeo: ecco perché.

©Getty Images

A 43 anni, David Beckham ha ricevuto il Premio del Presidente UEFA per il suo grande contributo al calcio europeo: ecco perché.

Ruolino

Nazionale: 115 presenze, 17 gol
Competizioni UEFA per club: 119 presenze, 17 gol
Competizioni nazionali: 484 presenze, 92 gol

Grande dedizione al lavoro

Nato a Londra, Beckham ha ereditato la passione per il Manchester United dai genitori, anche se il suo accento del sud ha confuso un po' i suoi compagni quando è approdato in squadra nel 1991. Ryan Giggs ha dichiarato: "In teoria non era facile accettare uno come lui. Noi eravamo cresciuti da quelle parti e da sempre andavamo allo stadio, ma lui tifava Man. United da sempre e quindi è stato subito uno di noi".

Anche se il luogo comune vuole che la gente del sud "un po' troppo morbida" nella vita, Beckham non lo è mai stato in allenamento, come ricorda l'ex compagno Paul Ince. "Becks era un vero professionista - ha commentato -. Appena finiva di allenarsi, tirava fuori i manichini e si esercitava sulle punizioni e sui calci d'angolo per un'ora".

"Quando è arrivato da noi si allenava mattina e sera, poi trovava ancora tempo per giocare con i ragazzini - ricorda Sir Alex Ferguson -. A inizio stagione c'era una prova aerobica per valutare le condizioni atletiche dei giocatori e Beckham era sempre superiore a tutti".

Calciatore prima che modello

Beckham nel 1996
Beckham nel 1996©Getty Images

Spesso, la moglie pop star e lo showbiz hanno messo in secondo piano le sue qualità calcistiche. "La gente ha sempre guardato altre cose e a volte ha messo in ombra quello che ho fatto sul campo - ricorda Beckham -. Anche se dico che la cosa non mi tocca, mi tocca".

Tuttavia, gli ex compagni del Real Madrid, dell'AC Milan e del Paris Saint-Germain ricordano il suo impegno e la sua voglia di arretrare per riconquistare il pallone. "Volevo che mi considerassero uno che lavora e che ha passione per il calcio", ha commentato Beckham.

La sua arma migliore erano indubbiamente gli assist. L'ex compagno Rio Ferdinand ha commentato: "David Beckham è stato uno dei più bravi sui passaggi con cui abbia mai giocato. Sui lanci lunghi sembra avere il radar. Alcuni mancini sono uno spettacolo da vedere quando passano la palla: lui era destro, ma era la stessa cosa. Anche quando calciava il pallone faceva un bel suono".

Specialista dei gol spettacolari

Zinédine Zidane, Beckham e Roberto Carlos al Real Madrid
Zinédine Zidane, Beckham e Roberto Carlos al Real Madrid©Getty Images

Beckham ha esordito in campionato nel 1994, quando era in prestito al Preston North End. L'ex compagno Paul Raynor ricorda: "Sono uscito per fare posto a David [contro il Doncaster] ed ero in panchina a lamentarmi, ma lui ha segnato su calcio d'angolo e sono stato zitto".

Alla prima giornata di Premier League 1996/97, un formidabile pallonetto da metà campo con lo United contro il Wimbledon ha regalato a Beckham la fama di giocatore dai gol impossibili. "Mi ha cambiato la vita - ricorda -. La palla sembrava in aria da ore e avanzava piano, poi è entrata ed è scoppiato lo stadio".

Il suo marchio di fabbrica rimangono però le punizioni, come ha confermato l'altro specialista Roberto Carlos: "Beckham batte le punizioni meglio di me. È uno spettacolo guardarlo e ha dimostrato che le punizioni non sono solo potenza".

Contro le avversità con club e nazionale

Beckham dopo il gol contro la Grecia nel 2001
Beckham dopo il gol contro la Grecia nel 2001©Getty Images

Espulso per una brutta entrata su Diego Simeone in Coppa del Mondo FIFA 1998, Beckham è stato incolpato dell'uscita dell'Inghilterra agli ottavi contro l'Argentina, ma ha riconquistato tifosi e compagni segnando su punizione nel finale contro la Grecia a ottobre 2001 e regalando all'Inghilterra la qualificazione ai mondiali 2002. Alla fine, ha capitanato la sua nazione 59 volte.

Nel 2003, quando ha lasciato lo United dopo aver vinto sei campionati, due FA Cup e la UEFA Champions League 1998/99 (per un inedito treble), la scelta non è dipesa da lui. Pare che il club avesse negoziato il suo trasferimento al Real Madrid per alcune tensioni con Sir Alex, che ha dichiarato: "Fino al matrimonio non ha mai dato problemi".

Beckham si è offeso: "Quando mi hanno detto che mi avrebbero venduto, ho parlato con il Real Madrid - ha commentato -. Non sono riuscito a guardare lo United per due anni, ero disgustato".

Tuttavia, non ha lasciato trasparire la delusione, segnando due minuti dopo il suo esordio nel Real Madrid contro il Real Betis il 30 agosto 2003. "Il gol più importante che ho segnato in Spagna è stato il primo, perché la gente era molto scettica - ha commentato -. Pensavano che fossi arrivato solo per far vendere magliette".

A dirla tutta, un po' ne ha fatte vendere. Anche se il suo trofeo più importante al Santiago Bernabéu è stato il campionato vinto all'ultima stagione, 2006/07, si calcola che la sua presenza abbia portato le vendite del merchandising ad oltre 500 milioni di euro.

Classe in tutte le squadre

Zlatan Ibrahimović:
Zlatan Ibrahimović:©Getty Images

Solo Cristiano Ronaldo e Lionel Messi possono capire l'attenzione ricevuta da Beckham in carriera e la sua capacità di rendere al meglio anche sotto i riflettori.

"Non so come faccia ad essere così tranquillo in campo - ha commentato l'ex compagno di squadra Zinédine Zidane -. È quasi una popstar. Io non ce la farei. È incredibile, soprattutto considerando che è timido come me".

La sua resilienza è emersa negli ultimi anni della carriera. Dopo un trasferimento di alto profilo nel 2007, Beckham ha vinto due MLS Cup con i LA Galaxy e – per rimanere in corsa per la nazionale – ha passato due periodi in prestito al Milan, prima di firmare un contratto di cinque mesi a gennaio 2013 per vincere il titolo con il PSG. "Non prendevo soldi - ha spiegato -. Il mio stipendio andava a un ente di beneficenza locale che lavorava con i bambini".

"Chi ne parla male è geloso o lo odia - ha commentato Zlatan Ibrahimović a proposito del suo ex compagno nel PSG -. Di lui non si può dire niente di male".

In alto