UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

In the Zone: pre-analisi tattica della finale di Champions League

Gli osservatori tecnici UEFA analizzano i temi tattici più importanti prima della finale di UEFA Champions League tra Liverpool e Real Madrid.

I terzini del Liverpool Trent Alexander-Arnold e Andrew Robertson potrebbero essere decisivi in finale
I terzini del Liverpool Trent Alexander-Arnold e Andrew Robertson potrebbero essere decisivi in finale

Quando il Liverpool sconfisse il Real Madrid nella finale di Coppa dei Campioni del 1981 a Parigi, lo fece grazie a un gol del terzino sinistro Alan Kennedy.

Sono passati quattro decenni e la sede questa volta è diversa – si gioca allo Stade de France e non al Parc des Princes – ma i terzini del Liverpool potrebbero risultare ancora una volta decisivi.

Il ruolo nella manovra d'attacco dei terzini nel calcio di oggi è stato ben documentato e non c'è esempio migliore di quello rappresentato dalla coppia del Liverpool composta da Trent Alexander-Arnold e Andrew Robertson, fondamentali per il gioco offensivo dei Reds.

Uno sguardo alle statistiche offre prove abbondanti del loro contributo alla stagione del Liverpool in UEFA Champions League. Oltre a quattro assist, Alexander-Arnold ha completato più cross (23) di qualsiasi altro giocatore nella competizione 2021/22, mentre Robertson (due assist) è quarto in quella categoria con 16. Per i passaggi chiave, Robertson ne ha collezionati 19 (il migliore tra i giocatori del Liverpool con Mohamed Salah) e Alexander-Arnold 16.

La relazione tecnica della UEFA Champions League 2019/20 aveva già individuato i due Reds per le loro doti nella costruzione del gioco e, due anni dopo, Alexander-Arnold ha avuto più tocchi di qualsiasi altro giocatore del Liverpool: 853 in otto partite, solo 15 in meno di Luka Modrić in 12 partite con il Real Madrid.

Come testimonia la heatmap dei tocchi di Alexander-Arnold, il terzino è sempre più coinvolto nella metà campo avversaria. David James, ex portiere del Liverpool e Osservatore Tecnico UEFA durante la vittoria della semifinale di andata contro il Villarreal, ha infatti notato che Alexander-Arnold aveva "un ruolo relativamente libero sulla destra", assumendo "posizioni aggressive in attacco" e persino diventando a volte un No10.

Guardando a sabato sera, tutto ciò solleva un'interessante domanda. Il Real Madrid riuscirà a sfruttare lo spazio dietro i terzini, in particolare dalla parte di Alexander-Arnold dato che è sulla sinistra dell'attacco del Real Madrid che Karim Benzema e Vinícius Júnior si sono trovati in modo così efficace in questa stagione?

Un ottimo esempio è stato il primo gol nella vittoria del Real nei quarti di finale contro il Chelsea quando Benzema è rientrato per scambiare il pallone con Toni Kroos e poi con Vinícius; il suo passaggio di ritorno, un colpo sotto, ha liberato l'esterno sulla sinistra mentre Benzema si è precipitato in area per incornare alla perfezione il cross del brasiliano. È stato uno dei quattro assist che Vinícius ha fornito a Benzema, il capocannoniere del torneo con 15 gol.

La heatmap dei tocchi di Benzema sottolinea il fatto che l'attaccante francese è molto più di un semplice finalizzatore; è un giocatore che metterà alla prova anche le capacità difensive del Liverpool con la sua abitudine ad allargarsi per creare due contro uno prima di tornare in area e sfruttare la sua grande capacità balistiche.

I calcio piazzati del Liverpool

Dopo la finale di FA Cup vinta dal Liverpool contro il Chelsea - ai rigori in una ripetizione della sfida in finale di Coppa di Lega - l'allenatore Jürgen Klopp ha dedicato il trionfo alla società tedesca di neuroscienze che, durante il pre-campionato, aveva lavorato con i suoi giocatori sulle situazioni di calci piazzati.

Quel lavoro ha dato i suoi frutti nelle finali di coppa nazionali e la domanda ora è se il Liverpool riuscirà a trarre vantaggio da questa abilità nei calci piazzati in un'altra finale. I Reds hanno ottenuto il maggior numero di gol da palle inattive nella Champions League di questa stagione - otto - e questo totale include quattro gol da calcio d'angolo. Entrambi i gol contro l'Inter agli ottavi di finale sono arrivati su calcio piazzato. Nel turno successivo, Ibrahima Konaté ha messo in evidenza la sua abilità nel gioco aereo in entrambe le sfide contro il Benfica.

Tutti i gol del Liverpool verso la finale

Riflettendo su questa minaccia, Frans Hoek, osservatore nella partita contro l'Inter, ha detto: "Quando guardo al Liverpool, è questione di chi batte il calcio piazzato - e loro hanno ottimi specialisti - e poi è una combinazione di movimento giusto nello spazio giusto. Puoi vedere che lo fanno e hanno finalizzatori molto forti nel gioco aereo. È mettono pressione anche sul secondo, terzo e quarto pallone”.

Quest'ultimo punto è eloquente. Già nel 2018/19 la relazione tecnica della UEFA Champions League metteva in evidenza i cinque tiri in porta di Salah dal limite dell'area di rigore dopo che la difesa avversaria aveva liberato sugli sviluppi di un calcio piazzato. In questa stagione, Roberto Firmino, Thiago Alcántara e lo stesso Salah hanno segnato tutti sfruttando la "seconda fase" dei calci piazzati.

La statistica

10: giocatori che hanno segnato finora per il Liverpool, contro i sei del Real Madrid.

Per la cronaca, la difesa dei calci piazzati del Real in questa competizione di questa stagione è stata solida, con un solo gol subito su calcio d'angolo, ad opera di Antonio Rüdiger del Chelsea. Tuttavia, sarebbe saggio tenere gli occhi ben aperti e prepararsi bene per sabato.

Partenza veloce

A parte i colpi di scena nel finale, il Real Madrid ha anche cercato di avere subito un impatto sulla gara con calci d'inizio fantasiosi. In casa contro il Paris, Luka Modrić, Toni Kroos e Marco Asensio hanno effettuato un'ottima combinazione nel cerchio di centrocampo, che per poco non si è conclusa con un passaggio filtrante di Asensio per Vinícius Jr.

Gli uomini di Carlo Ancelotti ci sono andati ancora più vicino all'inizio del secondo tempo della gara casalinga contro il City. Kroos ha concluso uno scambio di passaggi nel cerchio di centrocampo con un diagonale dietro la linea difensiva del City per Dani Carvajal, che ha servito un potenziale assist per Vinícius sul secondo palo.

Pur non avendo ottenuto alcun premio per l'inventiva in quelle due occasioni, le merengues hanno segnato entro dieci secondi dal calcio d'inizio del Paris al ritorno degli ottavi di finale. Quando il Paris è ripartito sul 2-1, tre camisetas blancas si sono lanciate all'inseguimento della palla, l'hanno riconquistata e, in un lampo, Benzema ha completato la sua tripletta.

Se ci fosse un gol all'inizio da parte di una delle due squadre – e non dimentichiamo che il Liverpool ne ha segnato uno dopo 107 secondi nell'ultima finale – indubbiamente gli avversari saprebbero come rispondere. Forse, in Europa non ci sono due squadre con più forza mentale di Liverpool e Madrid in questo momento. Klopp ha definito i Reds "mostri di mentalità" dopo la  vittoria per 3-2 in semifinale contro il Villarreal.

Liverpool - Real Madrid: i precedenti

Per quanto riguarda il Real, le rimonte contro Paris, Chelsea e Manchester City spiegano perché l'osservatore UEFA Roberto Martínez abbia dato così importanza al fattore emotivo in questa lunga marcia. "È la mentalità che hai quando indossi quella maglia: ti aspetti di vincere", ha detto. Il fatto che entrambe le squadre abbiano una tale convinzione dovrebbe rendere la gara di sabato ancora più avvincente.