UEFA.com funziona meglio su altri browser
Dal 25 gennaio, UEFA.com non supporterà più Internet Explorer.
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox o Microsoft Edge.

Come è stata vinta la finale di Champions League 2020

I reporter di UEFA.com analizzano la partita del Bayern e del Paris a Lisbona.

Kingsley Coman esulta dopo il gol
Kingsley Coman esulta dopo il gol UEFA via Getty Images

Un colpo di testa di Kingsley Coman al 59' ha fatto la differenza tra Bayern e Paris in finale di UEFA Champions League.

Jordan Maciel e Chris Burke, reporter di UEFA.com del Bayern e del Paris, analizzano i fattori che hanno deciso la partita.

La finale di Champions League minuto per minuto

Come è stata vinta la finale di UEFA Champions League, di Jordan Maciel

Un cambio coraggioso da parte di Flick

Kingsley Coman ha giocato titolare a sorpresa e ha fatto la differenza
Kingsley Coman ha giocato titolare a sorpresa e ha fatto la differenzaGetty Images

Dopo tre partite senza cambiare l'undici titolare, Flick ha preferito Kingsley Coman (ex di turno) al fin qui impeccabile Ivan Perišić. Il francese non ha deluso e, con un gol che non è proprio nelle sue corde, ha regalato al Bayern la sesta Coppa dei Campioni e il secondo triplete. Una mossa azzeccata, che ha fatto la differenza in una gara all'insegna dell'equilibrio.

Le mani più sicure d'Europa

Nel primo tempo, Manuel Neuer ha compiuto due parate decisive su Neymar e Kylian Mbappé, negando loro il gol dell'1-0. A 20' dal termine, e con la sua squadra in vantaggio, il capitano è stato ancora una volta provvidenziale su Marquinhos. Con una prestazione di altissimo livello, il portiere si è guadagnato il diritto di alzare la famosa coppa con le orecchie.

Come è stata persa la partita, di Chris Burke

Occasioni sprecate

I giocatori del Paris amareggiati al triplice fischio
I giocatori del Paris amareggiati al triplice fischioUEFA via Getty Images

Il Paris è arrivato in finale segnando in tutte e 34 le partite precedenti ed eguagliando il record stabilito dal Real Madrid dal 2011 al 2014. Oggi, però, è stato tradito in fase di finalizzazione nel peggiore dei momenti. Neymar, Kylian Mbappé e Ángel Di María hanno sprecato alcune ghiotte opportunità per aprire le marcature nel primo tempo e si sa, nel calcio gli errori si pagano.

Neymar a vuoto

Trascinatore del Paris ai quarti e in semifinale, per non parlare della vittoria contro il Dortmund agli ottavi, Neymar non è riuscito a imporre il suo carisma quando serviva di più. Pur andando vicino al gol nel primo tempo, è stato tenuto a bada per la maggior parte della gara dagli attenti giocatori del Bayern. Senza Neymar a sventolare la mano, i campioni di Francia sono apparsi privi di idee nella ripresa.