UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

La mentalità vincente di Courtois

Thibaut Courtois, portiere del Club Atlético de Madrid, esprime tutta la sua grande voglia di tornare al successo contro l'FK Austria Wien dopo il primo ko stagionale nella Liga di sabato.

La mentalità vincente di Courtois
La mentalità vincente di Courtois ©AFP/Getty Images

Il portiere dell'Atlético de Madrid Thibaut Courtois lancia il guanto di sfida agli avversari di martedì, l'FK Austria Wien.

La squadra di Diego Simeone è momentaneamente al comando del Gruppo B dopo due vittorie in altrettante gare contro FC Zenit alla prima giornata e FC Porto due settimane più tardi. Un trend positivo che ha viaggiato in parallelo ai risultati di Liga, ma che è stato interrotto - dopo otto vittorie consecutive - sabato in occasione della sconfitta per 1-0 contro l'RCD Espanyol.

"Eravamo delusi per il risultato e per il fatto che la nostra fantastica corsa si era interrotta - ha commentato Courtois, ora alla sua terza stagione in prestito al Vicente Calderón dal Chelsea FC -. Tuttavia arriviamo a questa nuova sfida con la mente lucida, concentrata e con la determinazione di voler fare bene. La Champions League e la Liga sono due competizioni differenti". 

L'insaziabile desiderio di successo è evidente sul volto di Courtois e traspare dalle sue parole. "Domani è una partita molto importante e non sarà facile. Andiamo a Vienna con un obiettivo chiaro nella testa - fare tre punti. Nessuna squadra può vincere tutte le partite ma stiamo provando a fare del nostro meglio per vincerne il maggior numero possibile", ha aggiunto. 

L'Austria ha dimostrato grande compattezza a livello difensivo alla seconda giornata quando è riuscita a pareggiare 0-0 contro lo Zenit e all'esordio a tratti è riuscita a impensierire anche il Porto. Courtois spiega il segreto per tornare in Spagna da vincitori. "Dobbiamo restare concentrati perchè sarà una gara difficile. Dobbiamo avere pazienza e seguire gli ordini tattici che il mister ci assegnerà. Non possiamo permetterci di sottovalutarli".