UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Cavani vuole illuminare il San Paolo

E' la notte delle stelle e il Napoli punta sul suo attaccante per battere un grande Manchester City: "Niente cali di concentrazione e sfruttare gli spazi che ci verranno concessi", la ricetta dell'uruguaiano.

Edinson Cavani in conferenza stampa
Edinson Cavani in conferenza stampa ©Getty Images

È la notte più lunga. L'SSC Napoli lancia la sfida al Manchester City FC degli sceicchi e sogna la qualificazione al turno successivo di UEFA Champions League.

Archiviata la sconfitta di Monaco, gli azzurri hanno un solo risultato a disposizione per coltivare ancora i sogni europei. Tutto il peso dell'attacco è sulle spalle di Edinson Cavani, già a segno nel match d'andata ma reduce da un paio di partite in chiaroscuro, ben al di sotto degli standard della scorsa stagione.

"Ma io sto bene, mi sento bene", rassicura il centravanti, capocannoniere del Napoli insieme con il difensore Federico Fernandez. E continua: "Avverto la fiducia del mister e questa è la cosa più bella per un calciatore. Io sono tranquillo, prima o poi tutto cambia. Cercherò di andare avanti così, senza mollare nulla e dando sempre il 100 per cento. Il mio atteggiamento sarà sempre lo stesso".

Magari contro i Citizens cambierà un po' la sua posizione in campo. Magari Cavani tornerà al centro dell'attacco lasciando a Ezequiel Lavezzi il compito di svariare sulle fasce. Di sicuro il Napoli dovrà scendere in campo concentrato e determinato, pronto a sfruttare ogni singolo errore del Manchester: "Con il Bayern Monaco abbiamo sbagliato venti minuti del primo tempo - ammette il bomber uruguaiano - Questo è il calcio, non dobbiamo avere cali di concentrazione e sfruttare gli spazi che ci verranno concessi".

Per blindare la difesa, davanti a Morgan De Sanctis tornerà titolare il capitano Paolo Cannavaro, squalificato a Monaco. Quando c’è lui, non si prende gol. Almeno negli ultimi 180 minuti casalinghi è stato così, anche se gli attaccanti dei Citizens sono di un altro livello rispetto a quelli di Udinese e Lazio. "Temo soprattutto Edin Dzeko - rivela il difensore - Lo considero il più forte centravanti del momento. L’ho sfidato già lo scorso anno, quando giocammo in amichevole con il Wolfsburg, ed è davvero arduo riuscire a marcarlo perché ha una forza fisica impressionante".

Recuperato Cannavaro, Walter Mazzarri dovrebbe riproporre la difesa titolare, con Hugo Campagnaro e Salvatore Aronica ai fianchi del capitano. Resterà dunque fuori Fernandez, bruciato da Mario Gomez in Germania ma autore della doppietta che ha tenuto il Napoli in linea di galleggiamento fino alla fine.

Sulle fasce, squalificato Juan Camilo Zuniga, ci saranno Christian Maggio e Andrea Dossena, mentre in mezzo al campo Walter Gargano ha vinto il ballottaggio con Blerim Dzemaili e guarderà le spalle a Gokhan Inler. Confermato anche il tridente d'attacco, con Marek Hamsik insieme a Lavezzi e Cavani. È la notte delle stelle e il Napoli si affida alle sue stelle più brillanti.