Cavani trascina il PSG, il Barça frena e la Juve sbanda

Il 'Matador' trascina i campioni di Francia al successo sul campo del Lione, mentre il gol di Lionel Messi non basta ai Blaugrana. I campioni d'Italia crollano sul campo del Genoa.

Cavani trascina il PSG, il Barça frena e la Juve sbanda
Cavani trascina il PSG, il Barça frena e la Juve sbanda ©AFP/Getty Images

Gruppo A
Arsenal-Bournemouth 3-1 (Sánchez 12’, 90’+1’, Walcott 53’; Wilson 23’ su rig.)
L’Arsenal ritorna alla vittoria dopo tre pareggi consecutivi e tiene il passo delle prime tre in classifica in Premier League. Alexis Sánchez realizza una doppietta e piega un Bournemouth mai domo. Callum Wilson trasforma un rigore e vanifica il vantaggio realizzato dall’attaccante cileno, ma Theo Walcott con un colpo di testa su assist di Nacho Monreal riporta avanti i Gunners, prima che Alexis - capitalizzando un perfetto passaggio di Olivier Giroud - metta al sicuro nel recupero il 19esimo risultato utili consecutivo per la squadra di Arsène Wenger.

Lione-Paris Saint-Germain 1-2 (Valbuena 48’; Cavani 30’ su rig., 81’)
Il Paris Saint-Germain riduce a un punto il distacco dalla vetta della Ligue 1 dopo che Edinson Cavani trascina ancora una volta i campioni di Francia alla vittoria. L’attaccante ex Palermo e Napoli porta in vantaggio la squadra di Unai Emery su rigore e poi firma il gol della vittoria di testa, portando il suo bottino totale in campionato a 13 reti in 12 partite.

Sion-Basilea 1-2 (Karlen 74’; Delgado 34’, Janko 77’)
Marc Janko firma il gol vittoria e viene in seguito espulso per il Basilea, che conquista la quarta vittoria consecutiva nella Super League svizzera e resta a +15 sullo Young Boys secondo in classifica.

Botev Plovdiv-Ludogorets Razgrad 1-3 (João Paulo 9'; Lukoki 3', Campanharo 70', Keșerü 79')
La squadra di Georgi Dermendzhiev ottiene l’undicesima vittoria consecutiva in campionato e porta a sei punti il suo vantaggio in vetta alla classifica, dopo il ko della sua più vicina inseguitrice, il Levski (mercoledì è in programma lo scontro diretto).

Gruppo B
Napoli-Sassuolo 1-1 (Insigne 42', Defrel 82')
Lorenzo Insigne segna il terzo gol in due gare di campionato, ma un gol nel finale condanna i Partenopei al quarto pareggio nelle ultime cinque partite. 

Beşiktaş-İstanbul BB 1-1 (Marcelo 51'; Cengiz Ünder 21')
La formazione allenata da Şenol Güneş resta a due punti dalla vetta dopo che lo scontro diretto tra le prime due in classifica termina senza vincitori né vinti.

Benfica-Moreirense 3-0 (Pizzi 32’, 58’, Jiménez 88’)
Le Aquile non hanno problemi a sbarazzarsi del pericolante Moreirense e si mantengono a cinque punti dalla vetta della classifica; il centrocampista Pizzi realizza una doppietta e la squadra di Lisbona porta a dieci partite - in tutte le competizioni - la sua imbattibilità.

Volyn-Dinamo Kiev 1-4 (Didenko 6'; Júnior Moraes 21', 71', 90'+3', Yarmolenko 45')
Júnior Moraes realizza la sua seconda tripletta in stagione: la squadra ucraina rimonta il gol subito a freddo e conquista il terzo successo consecutivo in campionato.

Gruppo C
Real Sociedad-Barcellona 1-1 (Willian José 53’; Messi 59’)
Lionel Messi realizza il suo 17esimo gol nelle ultimi 11 partite con il Barcellona, che però non va oltre il secondo pareggio consecutivo in campionato. Il risultato aumenta a sei punti il distacco dalla capolista Real Madrid dei Blaugrana di Luis Enrique. 

Burnley-Manchester City 1-2 (Marney 14'; Agüero 37', 60')
Sergio Agüero realizza due gol e trascina il Manchester City a un successo in rimonta. La squadra allenata da Pep Guardiola non otteneva due vittorie consecutive da settembre. 

Borussia Mönchengladbach-Hoffenheim 1-1 (Dahoud 25'; Amiri 53')
Il primo gol realizzato da Mahmoud Dahoud da aprile a questa partite illude per un po’ il pericolante Gladbach di ottenere la prima vittoria nelle ultime sei partite; l’attesa però si protrae, perché l’Hoffenheim risponde nella ripresa e mantiene l’imbattibilità in campionato.

Aberdeen-Celtic 0-3 (Rogic 16’, Forrest 37’, Dembélé 64’ su rig.) (finale Coppa di Lega)
Il Celtic festeggia il 100esimo trofeo della sua storia aggiudicandosi la Coppa di Lega scozzese in finale contro l’Aberdeen ad Hampden Park. Tom Rogic realizza il gol del vantaggio e James Forrest sfrutta la sua velocità per firmare il raddoppio, prima che Moussa Dembélé metta al sicuro il risultato con il 17esimo gol stagionale per il club. 

Gruppo D
Osasuna-Atlético Madrid 0-3 (Godín 36’, Gameiro 37’, Carrasco 90’)
L’Atlético si mette alle spalle due sconfitte consecutive nella Liga e sale al quarto posto, anche se l’Osasuna sciupa in apertura l’opportunità di passare in vantaggio con Robert Torres, che si fa parare un rigore da Jan Oblak. Diego Godín, con un preciso colpo di testa, porta i Colchoneros in vantaggio, poi Kevin Gameiro concede il bis dopo aver segnato in UEFA Champions League; al 90’ il talento belga Yannick Ferreira-Carrasco dà al punteggio la sua dimensione definitiva.

Thiago Alcántara puts Bayern ahead
Thiago Alcántara puts Bayern ahead©Getty Images

Bayern Monaco-Bayer Leverkusen 2-1 (Thiago Alcántara 30', Hummels 56'; Çalhanoğlu 35')
Mats Hummels segna il suo primo gol in Bundesliga con la maglia del Bayern, che batte un’altra squadra che partecipa alla UEFA Champions League e si porta a tre punti dal Lipsia, capolista a sorpresa del campionato.

Rostov-Anji 2-0 (Azmoun 41’, Gatskan 79’)
Fresco di vittoria a sorpresa contro il Bayern, il Rostov conclude una settimana trionfale collezionando la settima vittoria su otto partite casalinghe della Premier Liga russa; la squadra di Ivan Daniliants perde però Aleksandr Gatskan, espulso poco dopo aver firmato il raddoppio.

PSV Eindhoven-Den Haag 3-1 (Pereiro 12' su rig., aut. Beugelsdijk 50', De Jong 55'; Beugelsdijk 57’)
Tom Beugelsdijk del Den Haag segna in entrambe le porte nello spazio di otto minuti del secondo tempo e il PSV torna alla vittoria dopo quattro partite.

Valère Germain ha segnato otto gol in dieci gare
Valère Germain ha segnato otto gol in dieci gare©AFP/Getty Images

Gruppo E
Monaco-Olympique Marsiglia 4-0 (Boschilia 23', Germain 29', 39', Carrillo 90'+1')
La squadra del Principato conclude alla grande una settimana memorabile travolgendo i “vicini rumorosi”, allenati da Rudi García, e vola in testa alla Ligue 1 prima delle partite della domenica.

Chelsea-Tottenham 2-1 (Pedro 45', Moses 51'; Eriksen 11')
Salutata martedì scorso la UEFA Champions League, il Tottenham deve incassare la prima sconfitta stagionale in Premier League: il ko a Stamford Bridge fa scivolare gli Spurs a sette punti dal Chelsea primo in classifica.

Bayern Monaco-Leverkusen 2-1 (Thiago Alcántara 30', Hummels 56'; Çalhanoğlu 35')
Il Leverkusen rimedia la seconda sconfitta consecutiva, trafitto da due colpi di testa del Bayern dopo il momentaneo pareggio di Hakan Çalhanoğlu, al sesto gol in stagione tra club e nazionale. 

CSKA Mosca-Rubin 0-0
Le ambizioni di titolo della squadra dell’Esercito subiscono un ulteriore ridimensionamento, visto che il pareggio con il Rubin la lascia a 11 punti in classifica dalla capolista Spartak.

Dortmund 8-4 Legia: Best of the action
Dortmund 8-4 Legia: Best of the action

Real Madrid-Sporting Gijón 2-1 (Ronaldo 5' su rig., 18'; Carmona 35')
Cristiano Ronaldo regala ai Galacticos la partenza perfetta, con due gol nei primo diciotto minuti di partita, ma Carlos Carmona dimezza lo svantaggio prima dell’intervallo. A tredici minuti dalla fine il Real Madrid commette fallo in area e l’arbitro assegna il rigore, che però Duje Čop fallisce.

Boavista-Sporting Lisbona 0-1 (Dost 25')
Il settimo gol in campionato nelle ultime otto partite di Bas Dost basta a mettere al sicuro la vittoria per lo Sporting Lisbona, che termina la partita in dieci uomini per la quarta espulsione negli ultimi dodici mesi di Rúben Semedo.

Śląsk-Legia Varsavia 0-4 (Radović 1’, aut. Filipe Gonçalves 5’, Prijovic 7’, 44’)
Il Legia firma un poker di reti per la seconda volta in pochi giorni, ma in questa circostanza non ne subisce otto come accaduto contro il Borussia Dortmund; Aleksandar Prijovic firma ancora una doppietta.

Gruppo G
Leicester City-Middlesbrough 2-2 (Mahrez 34' su rig., Slimani 90'+4' su rig.; Negredo 13', 71')
Le Foxes vanno due volte sotto ma rimontano ed evitano la terza sconfitta consecutiva in campionato: Islam Slimani trova il gol del pareggio su rigore al quarto minuto di recupero. 

Lyngby-Cøpenaghen 0-1 (Toutouh 13')
Il gol in apertura di Youssef Toutouh frutta i tre punti al Cøpenaghen capolista, che porta la sua imbattibilità in Superliga a 18 partite.

Belenenses-Porto 0-0 
I problemi sotto porta del Porto proseguono e il pericolante Belenenses costringe i Dragões al terzo pareggio a reti bianche consecutivo.

Club Brugge-Mechelen 6-1 (Vossen 39' su rig., 51', 64', 82', Izquierdo 49', Vanaken 79'; Bjelica 50')
Il primo poker in carriera di Jelle Vossen trascina a un'altisonante vittoria il Club Brugge, che segna sei gol per la prima volta da febbraio.

Gruppo H
Genoa-Juventus 3-1 (Giovanni Simeone 3’, 13’, aut. Alex Sandro 29’; Pjanić 82’)
Il figlio di Diego Simeone, Giovanni, firma una doppietta e il Genoa mette fine alla serie di quattro vittorie consecutive in Serie A dei Bianconeri. Miralem Pjanić, con una splendida punizione, realizza il gol della bandiera dei campioni d’Italia, il suo terzo nelle ultime sei partite.

Nicolás Pareja
Nicolás Pareja©AFP/Getty Images

Siviglia-Valencia 2-1 (aut. Garay 53', Pareja 75'; El Haddadi 65')
A secco da quasi due anni, Nicolás Pareja segna due gol in cinque giorni e il Siviglia ottiene un’importante vittoria di misura contro il Valencia.

Lione-Paris Saint-Germain 1-2 (Valbuena 48’; Cavani 30’ su rig., 81’)
Le speranze di titolo del Lione subiscono un ulteriore, duro colpo dopo la sconfitta contro il Paris Saint-Germain, altra squadra che partecipa alla UEFA Champions League, malgrado una buona prestazione nel secondo tempo. Passando dal 4-3-3 al 4-4-2, i padroni di casa dominano nel secondo tempo e pareggiano con Mathieu Valbuena, ma si inchinano alla doppietta di un grande Edinson Cavani. 

Osijek-Dinamo Zagabria 0-2 (Ćorić 45’, Soudani 48’)
La Dinamo resta a sei punti dal Rijeka capolista del campionato croato confermando il suo eccellente rendimento in trasferta: il 19enne Ante Ćorić spiana la strada all’ottava vittoria esterna, prima che El Arabi Hilal Soudani metta al sicuro il risultato realizzando il settimo gol in campionato in quattordici presenze.