Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Un Porto dal sapore spagnolo

Il numero di giocatori spagnoli al Porto aumenta con l'arrivo di José Ángel e Andrés Fernandéz. Gli acquisti dalla vicina nazione iberica salgono così a cinque, sei contando anche il tecnico Julen Lopetegui.

Julen Lopetegui è approdato a maggio
Julen Lopetegui è approdato a maggio ©Getty Images

Il numero di giocatori spagnoli all'FC Porto aumenta con l'arrivo di José Ángel e Andrés Fernandéz. Gli acquisti dalla vicina nazione iberica salgono così a cinque, sei contando anche il tecnico Julen Lopetegui.

"È bello essere qui. Per me è una grande sfida perché arrivo in un grande club che si sta rinforzando ulteriormente - commenta il 24enne terzino sinistro José Ángel, che martedì ha firmato un quadriennale -. Il Porto sta facendo ottimi acquisti".

Il giorno prima, invece, il portiere Andrés Fernandéz è approdato dal CA Osasuna, aggiungendosi a Óliver Torres e Adrián López dal Club Atlético de Madrid e a Cristian Tello, in prestito per un anno dall'FC Barcelona.

I 27 volte campioni del Portogallo vivono un cambio radicale. Dopo una stagione deludente per i loro standard, con un terzo posto in campionato e il mancato superamento della fase a gironi di UEFA Champions League, la società vuole assolutamente riscattarsi.

Oltre ai cinque giocatori menzionati sopra e a Bruno Martins Indi, il Porto ne ha acquistati altri che conoscono bene il campionato spagnolo: il centrocampista brasiliano Casemiro è arrivato in prestito dal Real Madrid CF, mentre il nazionale algerino Yacine Brahimi è approdato dal Granada CF. Il nome nuovo più importante, però, potrebbe essere quello di Julen Lopetegui, scelto a maggio per allenare la squadra.

Adrián López in Champions League
Adrián López in Champions League©Getty Images

Da fuori, potrebbe sembrare che l'artefice della vittoria del Campionato Europeo Under 21 UEFA del 2013 voglia affidarsi per lo più a giocatori della sua nazione, ma il tecnico smentisce. "Gli acquisti li fa il Porto, non Lopetegui - commenta -. Tutti i giocatori sono uguali, che arrivino dalla Spagna, dall'Algeria, dal Brasile o dal Portogallo".

Con l'obiettivo di tornare ai vertici, Lopetegui vuole solo tempo, affinché lui e i nuovi arrivi possano ambientarsi. Il primo impegno non è lontano ed è la gara di andata degli spareggi di UEFA Champions League, in programma il 19/20 agosto. "Stiamo sperimentando e c'è da fare ancora qualche piccolo aggiustamento. Con il tempo miglioreremo, perché i nuovi arrivati non sono pochi. Dobbiamo solo lavorare per soddisfare le aspettative di un club come questo".

In alto