PSG e Barcelona per la 'festa del calcio'

L'allenatore del Paris Saint-Germain FC Carlo Ancelotti non ha nascosto la sua emozione dopo che la sua squadra è stata sorteggiata con l'FC Barcelona nei quarti di UEFA Champions League.

PSG e Barcelona per la 'festa del calcio'
PSG e Barcelona per la 'festa del calcio' ©UEFA.com

L'allenatore del Paris Saint-Germain FC Carlo Ancelotti non ha nascosto la sua emozione dopo che la sua squadra è stata sorteggiata con l'FC Barcelona nei quarti di UEFA Champions League.

Data la relativa facilità con cui i catalani hanno liquidato l'ex squadra di Ancelotti, l'AC Milan, martedì, si può comprendere la reazione del tecnico italiano. "E' magnifico, siamo contentissimi del sorteggio", ha detto. "Sappiamo sarà molto dura, ma questo sarà un grande test per noi. Insieme al Real Madrid, sono i favoriti per la vittoria finale. Hanno moltissime qualità - ma noi diremo la nostra".

Le due squadre si sono incontrate solo tre volte nelle competizioni UEFA, e il Barcellona ha vendicato la sconfitta complessiva per 3-2 nei quarti della Coppa dei Campioni 1994/95 con la vittoria nella finale di Coppa delle Coppe UEFA due anni dopo. Ronaldo ha segnato l'unico gol a Rotterdam dagli undici metri. Si sono anche sfidate in una amichevole estiva la scorsa estate, e i catalani hanno vinto ai rigori dopo il pareggio per 2-2, ma Ancelotti sottolinea l'ovvio, dicendo che "questa volta sarà diverso".

Una cosa che il direttore sportivo del Barcellona Andoni Zubizarreta si aspetta sia uguale è l'equilibrio. "Il PSG ha ottimi giocatori con molto talento. Con la loro esperienza e la loro conoscenza del calcio, questo genere di partite sono equilibrate fino alla fine. Sono molto competitivi e affronteremo diversi giocatori che conosciamo bene".

Zlatan Ibrahimović, che ha passato la stagione 2009/10 al Camp Nou, è il primo, ma non è l'unico giocatore che il terzino blaugrana Jordi Alba nomina quando gli si chiede delle qualità dei parigini. Ha aggiunto: "Il PSG è una squadra completa, difensivamente forte e con attaccanti di qualità. Abbiamo imparato molto dall'ultima volta [contro il Milan] e dobbiamo correggere i nostri errori. Il PSG è ovviamente un avversario ostico ma il sorteggio a me sembra buono".

Questo sembra riassumere l'atmosfera di entrambe le parti, con il direttore sportivo del PSG che ha concluso: "E' il sorteggio più duro che ci poteva capitare, contro la squadra migliore della competizione. Non sarà facile, ma non vediamo l'ora di giocare perché Parigi merita di far parte di quella che sarà una festa del calcio. Possiamo misurarci contro una delle squadre più grandi di tutti i tempi. Il Barcellona è stra-favorito, ma tutto può succedere".