UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

La strada inizia adesso per Marcelo

Mentre i tifosi del Real Madrid cominciano a sperare nel decimo titolo europeo, il difensore ribadisce che il cammino verso la finale di UEFA Champions League è ancora lungo.

Cristiano Ronaldo e Marcelo
Cristiano Ronaldo e Marcelo ©Getty Images

Mentre i tifosi del Real Madrid CF cominciano a sperare nel decimo titolo europeo, Marcelo ribadisce che la strada verso la finale di UEFA Champions League è ancora lunga.

La squadra spagnola ha superato gli ottavi con un 1-1 sul campo dell'PFC CSKA Moskva e un 4-1 al Santiago Bernabéu. Le reti di Gonzalo Higuaín, Cristiano Ronaldo (2) e Karim Benzema hanno regalato una vittoria convincente alle merengues, che secondo Marcelo non sono state nella serata migliore.

"Il primo tempo non è andato benissimo, ma nella ripresa siamo riusciti a entrare in partita e sono arrivati i gol - commenta il nazionale brasiliano -. Il mister ci aiuta sempre in queste situazioni. È stata una partita molto difficile, ma sentivamo che avremmo vinto".

Prima della gara, Mourinho aveva dubbi su chi schierare in attacco, finendo per preferire Higuaín a Benzema. Alla fine, però, entrambi hanno saputo sfruttare le occasioni, un dato che Marcelo ritiene benaugurante per il futuro.

"Higuaín e Benzema, oltre a Ronaldo, sono ottimi attaccanti. Stasera sono contento per tutti e tre - commenta il giocatore, 23 anni -. Dietro, cerchiamo di difendere bene, in modo che loro abbiano la possibilità di segnare gol importanti. Vogliamo continuare così".

Il sorteggio dei quarti di venerdì si avvicina, e Marcelo e compagni si preparano ad affrontare qualunque delle sette squadre possibili. "Non abbiamo paura di nessuno, qualsiasi sorteggio andrà bene. Sappiamo che i nostri tifosi vogliono vincere la UEFA Champions League, ma per riuscirci dovremo lavorare duramente partita dopo partita".

Karim Benzema è d'accordo con il compagno: "Ai quarti, tutte le squadre saranno difficili da battere, ma per vincere la Champions League bisogna essere pronti a farlo - commenta -. Il clima in spogliatoio è stupendo, siamo tutti uniti. È questo l'unico modo per vincere".