UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Shirokov stende il Benfica

FC Zenit St Petersburg - SL Benfica 3-2
Una doppietta del centrocampista regala il successo ai russi, ma le reti firmate da Maxi Pereira e Óscar Cardozo tengono in corsa gli ospiti in vista del ritorno.

Óscar Cardozo del Benfica contende il pallone a Igor Denisov dello Zenit
Óscar Cardozo del Benfica contende il pallone a Igor Denisov dello Zenit ©Getty Images

Due gol di Roman Shirokov,il secondo a due minuti dal fischio finale, consentono all'FC Zenit St Petersburg di superare 3-2 l'SL Benfica, che resta comunque in piena corsa per la qualificazione ai quarti di finale di UEFA Champions League grazie alle due reti messe a segno in trasferta.

Sono proprio i portoghesi ad andare in vantaggio, al 20', grazie a un gol da opportunista di Maxi Pereira. Shirokov ristabilisce la parità 7' più tardi con una bella conclusione al volo, poi è il subentrato Sergei Semak a portare avanti i padroni di casa al 71'. Il Benfica trova il 2-2 a 3' dal termine con Óscar Cardozo, ma ad avere l'ultima parola è Shirokov, che sfrutta un'incertezza della retroguardia ospite e regala allo Zenit un vantaggio minimo in vista della gara di ritorno del 6 marzo.

Complice la temperatura molto rigida, la gara impiega tempo a salire di tono e sono gli ospiti a farsi notare per primi: una punizione dai 25 metri di Cardozo coglie impreparato Yuri Zhevnov, che riesce solo a smanacciare il pallone e Pereira è il più lesto di tutti nel ribadirlo in rete.

Il gol subito scuote i campioni di Russia, che si riversano in avanti alla ricerca del pareggio. E' il 27' quando Tomáš Hubočan pesca Shirokov all'altezza del dischetto del rigore: il centrocampista lascia scorrere il pallone, quindi lascia partitìre un destro al volo che si insacca nell'angolino basso senza lasciare scampo ad Artur.

La squadra di Luciano Spalletti, rincuorata dal gol, schiaccia il Benfica e sfiora il raddoppio nel recupero del primo tempo con un insidioso cross di Konstantin Zryanov, che attraversa tutta l'area senza trovare la deviazione vincente.

La ripresa scivola via all'insegno dell'equilibrio, con poche occasioni su entrambi i fronti. La prima arriva al 19' e porta al vantaggio dello Zenit: Aleksandr Kerzhakov tiene in gioco il pallone esibendosi in un colpo di tacco a favore di Vladimir Bystov e il subentrato serve Semak, che sempre di tacco spedisce il pallone nell'angolino più lontano.

Nel finale il Benfica spinge e pareggia a tre minuti dalla fine. Nicolás Gaitán trova spazio per la conclusione all'altezza del dischetto, ma Zhevnov respinge; sul pallone si avventa Cardozo che ringrazia a insacca.

L'esultanza ospite dura però meno di un minuto: Pereira è ingenuo nel cercare di controllare il cross dalla destra di Aleksandr Anyukov, Shirokov gli ruba palla e batte Artur permettendo allo Zenit di chiudere avanti dopo la sfida di andata.