Il sogno europeo di Sir Alex Ferguson

Alla vigilia del suo 25esimo anniversario alla guida del Manchester United FC, il manager Sir Alex Ferguson racconta a UEFA.com del Real Madrid del 1960, di Sir Matt Busby e dei suoi desideri di gloria europea.

Il sogno europeo di Sir Alex Ferguson
Il sogno europeo di Sir Alex Ferguson ©UEFA.com

Con 12 titoli di Premier League, cinque Coppe d'Inghilterra e due titoli di UEFA Champions League conquistati con il Manchester United FC, Sir Alex Ferguson ha un palmarés senza eguali nel calcio inglese. Ormai prossimo a festeggiare 25 anni sulla panchina di Old Trafford, domenica ricorre l'anniversario, il tecnico scozzese ha raccontato a UEFA.com la genesi della sua passione per le competizioni europee, che si è accesa nel 1960 e che continua ad ardere a 51 anni di distanza.

L'interesse di Sir Alex per le competizioni continentali risale al 1960, quando assistette alla finale di Coppa dei Campioni ad Hampden Park, nello stadio della sua città natale, Glasgow, vinta dal Real Madrid CF. "Quella volta capii cosa era davvero il calcio europeo”, ha dichiarato il tecnico del  Manchester United.

"Seguivo le partite dei Rangers allora. In semifinale si erano dovuti arrendere 12-4 all'Eintracht Frankfurt. Tra i tifosi dei Rangers si sentiva dire 'L'Eintracht spazzerà via il Real Madrid in finale'. E, invece, successe l'esatto contrario. Questo dà la misura della forza di quel Real Madrid. Era una squadra incredibile, la prima di caratura internazionale”.

Ferguson ha assistito anche alla conquista del primo titolo continentale del Manchester United nel 1968. La squadra di Sir Matt Busby conquistava la Coppa dei Campioni a dieci anni dalla tragedia aerea di Monaco. "In Scozia erano tutti contenti per Sir Matt. Era riuscito a ricostruire dall'interno la squadra. La formazione della finale aveva soltanto tre giocatori provenienti da altri club. Fu un risultato straordinario e un capolavoro di Sir Matt, essere riuscito a rifondare la squadra dopo Monaco e a vincere la Coppa dei Campioni”.

La vittoria della Coppa delle Coppe UEFA 1983 con l'Aberdeen FC contro il Real Madrid non ha fatto che aumentare l'appetito di Sir Alex in Europa, una mentalità che avrebbe instillato al Manchester United in 25 anni. Fra i traguardi più memorabili ci sono la vittoria per 2-1 in finale di UEFA Champions League contro l'FC Bayern München nel 1999 e, più di recente, tre finali disputate nelle ultime quattro edizioni del torneo.

"Negli anni passati abbiamo acquisito un'esperienza che ci è servita molto in campo europeo - commenta il tecnico, 69 anni, che ha rivinto la Champions League nel 2008 -. Siamo molto più pazienti quando giochiamo in trasferta, e anche più concentrati. A volte, in Europa, puoi fare bene ma tutto ti crolla addosso all'improvviso. Ora i giocatori lo tengono presente e non vengono colti di sorpresa dagli attacchi avversari".

Dopo la sconfitta contro l'FC Barcelona nella finale di Champions League 2011, Sir Alex ha voluto rinforzare la squadra per inseguire la terza Coppa dei Campioni: "È una grande sfida. È fantastico eguagliare un record e Bob Paisley [ex allenatore del Liverpool] è stato uno dei grandi maestri del calcio. Non parlava molto, ma era competente e le sue lezioni avevano sempre un grande impatto sui giocatori dell'epoca.

"Quello è stato un grande periodo, ma ora tocca a noi. Si tratta di un'opportunità per arrivare a un altro livello, perché il Real Madrid ha vinto la coppa nove volte, l'AC Milan sette, il Liverpool cinque, il Bayern e l'Ajax quattro. Dobbiamo entrare a far parte di quel gruppo, quindi dobbiamo solo pensare a vincere altre Champions League".

Contenuti attinenti