UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Abidal commosso per l'ovazione

Il giocatore del Barcellona, rientrato 47 giorni dopo l'asportazione di un tumore, è emozionato per l'ovazione che il Camp Nou gli ha dedicato nella semifinale di ritorno contro il Real Madrid.

Éric Abidal (FC Barcelona)
Éric Abidal (FC Barcelona) ©Getty Images

Finiti i canti e le danze, la qualificazione dell'FC Barcelona per la terza finale di UEFA Champions League in cinque anni può essere apprezzata da un'infinità di angolazioni.

Eliminare gli storici rivali del Real Madrid CF e raggiungere Wembley, dove il Barça di Johan Cruyff ha vinto la prima Coppa dei Campioni contro l'UC Sampdoria (1992), è stata un'impresa speciale. Mentre Lionel Messi ha impartito l'ennesima lezione di calcio, Daniel Alves ed Éric Abidal hanno avuto l'occasione per rimediare a un torto, in quanto erano squalificati per la finale del 2009 contro il Manchester United FC.

Per Abidal in particolare, il successo assume un significato ancor più profondo. A marzo, il giocatore si era sottoposto a un intervento d'urgenza per asportare un tumore al fegato e nessuno prevedeva che rientrasse questa stagione. Contro ogni pronostico, il difensore è tornato in campo ieri sera negli ultimi tre minuti e l'enorme boato che lo ha accolto ha testimoniato l'affetto dei tifosi catalani nei suoi confronti.

"Dobbiamo innanzitutto gioire perché la squadra è in finale - commenta Abidal a UEFA.com -. Ma devo ammettere che è stata una serata straordinaria, dato tutto quello che ho attraversato. Tornare ed essere accolto in quel modo è una cosa che non dimenticherò mai. Questa è la mia squadra, ho sempre voluto venire qui e non vorrò mai andarmene".

Alves è altrettanto emozionato, soprattutto per il modo in cui il Barcellona continua a riscuotere successi: "Crediamo nel bel calcio, che ci ha sempre ripagati - commenta il giocatore -. Facciamo spettacolo, non vogliamo mai tattiche noiose e in questo siamo unici. Viviamo il calcio in modo totalmente diverso da tutte le altre squadre del mondo".

"Ho avuto una ricompensa anche personale, perché due anni fa a Roma non c'ero, ma ora posso rifarmi". La sua occasione si è consolidata al 9', quando Pedro Rodríguez ha portato i blaugrana sull'1-0 dopo un assist illuminante di Andrés Iniesta. L'1-1, realizzato da Marcelo dopo uno svarione di Javier Mascherano, è arrivato decisamente troppo tardi.

Per Mascherano, schierato provvisoriamente come centrale, è stata una piccola pecca in una prestazione altrimenti eccellente. L'argentino spiega che le serate come queste sono il motivo per cui ha lasciato il Liverpool FC per il Barcellona: "So per esperienza personale quanto sia difficile raggiungere la finale di Champions League, perché ci sono riuscito con il Liverpool ma poi abbiamo perso. Riuscirci con il Barcellona è eccezionale ed è per questo che volevo venire qui".

Un altro motivo convincente è la presenza del connazionale Messi, che contro il Real ha guidato la squadra come al suo solito. "Leo ha dimostrato un'altra volta che lo scettro è suo e che sarà difficile toglierglielo - conclude Mascherano -. Sta facendo la storia e potrebbe diventare il giocatore più forte di tutti i tempi".

Contenuti attinenti