UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Wembley rossonero nel 1963

Mentre si avvicina la finale di UEFA Champions League del 2011, UEFA.com ha incontrato le stelle delle precedenti finali disputate a Wembley: Cesare Maldini e Giovanni Trapattoni raccontano il trionfo rossonero del 1963.

Wembley rossonero nel 1963
Wembley rossonero nel 1963 ©UEFA.com

La prima squadra a sollevare la Coppa dei Campioni a Wembley fu l'AC Milan di Nereo Rocco, diventando nel 1963 la prima squadra europea a salire sul tetto d'Europa grazie alla doppietta di José Altafini a cancellare la rete di Eusébio per l'SL Benfica.

L'attaccante brasiliano fu decisivo per il primo dei sette trionfi europei del Milan cancellando la sconfitta in finale del 1957/58 quando il Milan perse 3-2 ai supplementari contro il Real Madrid CF. Ora Ct della Repubblica d'Irlanda, il 72enne Trapattoni solleverà quel trofeo ancora da giocatore e poi da allenatore in carriera: ma il primo trionfo resta speciale. Cesare Maldini, capitano rossonero, ricorda invece la 'scalata' per arrivare a sollevare il trofeo a Wembley.

Giovanni Trapattoni
Per chi gioca a calcio ci sono stadi che sono come cattedrali, come chiese e Wembley è uno di questi. All'epoca i giocatori dicevano che andavano a giocare in uno stadio paragonabile al Vaticano. Giocare a Wembley era giocare nel migliore stadio al mondo. C'era Wembley e c'era il Maracaña.

Cesare Maldini
Nel 1958 avevamo perso la finale ai supplementari. Contro il Real Madrid. La ricordo bene: il loro terzo gol con un tiro che passò tra mille gambe. Poi siamo tornati in finale contro il Benfica. A Wembley. Giocammo bene e arrivavano i due gol di Altafini. Loro erano forti - avevano Eusébio, e molti altri giocatori di grande livello.

Giovanni Trapattoni
Mi ricordo benissimo la partita con il Benfica, il gol segnato da Eusébio, e poi i due realizzati dal Milan. Fu un grande trionfo anche perché eravamo la prima squadra italiana a riuscirci. Poi ci è riuscita anche l'Inter. Ma fu una grande partita contro quel Benfica. Era una delle squadre più forti in Europa all'epoca. Andare sotto e poi vincere 2-1 ti fa esplodere qualcosa dentro, era davvero il sogno che avevamo per quella serata.

Cesare Maldini
Tutti quegli scalini [per ricevere il trofeo] - sembrava di non arrivare mai. Sarebbe stato più facile riceverlo in campo.

Giovanni Trapattoni
Quando sali quegli scalini e fai il giro d'onore con il trofeo, senti davvero l'adrenalina in corpo, e poi quell'atmosfera. Ce l'ho ancora negli occhi, i giri di campo con il trofeo, i tifosi che entrano, il campo pieno di gente a festeggiare.