UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Grant vuole la storia

Un'affermazione contro la "bestia nera" Liverpool potrebbe regalare al tecnico del Chelsea la conferma in panchina e un posto nella storia del club.

Grant vuole la storia
Grant vuole la storia ©Getty Images

Avram Grant, tecnico del Chelsea FC, è giunto alla resa dei conti. Eliminare il Liverpool FC e portare i Blues in finale di UEFA Champions League potrebbe valergli la riconferma per la prossima stagione e contribuirebbe a cancellare l’ombra del suo predecessore José Mourinho, che da troppo tempo incombe alle sue spalle.

Passare alla storia
Nel suo incontro con la stampa, Grant è apparso assai determinato, ma allo stesso tempo ha evitato di cadere nel tranello di paragonare il proprio operato a quello di Mourinho, naufragato per due stagioni consecutive contro i Reds in semifinale. "Entrare nella storia di un club può significare molte cose - ha spiegato il tecnico israeliano -. Si possono anche fare paragoni con il passato, ma credo che sia più importante concentrarsi sulle prossime due partite e tentare di prepararle al meglio".

In corsa su due fronti
Il 52enne Grant aveva sostituito il tecnico portoghese nel settembre 2007 e già allora si era detto sicuro che la squadra avrebbe disputato una grande stagione, sebbene i Blues fossero reduci da un pareggio sul campo del Rosenborg BK in UEFA Champions League e fossero scivolati al quarto posto in campionato dopo aver pareggiato in casa contro i Blackburn Rovers FC. Da allora sono passati sette mesi e il Chelsea è ancora in lizza su entrambi i fronti. Sabato a Stamford Bridge i londinesi ospiteranno la capolista Manchester United FC, che li precede di tre lunghezze in classifica, e in caso di successo potrebbero davvero soffiare ai Red Devils un titolo che ormai sembrava quasi scontato.

Risultati eccellenti
I buoni risultati ottenuti, tuttavia, non hanno messo al riparo l’israeliano dalle critiche. Secondo i suoi detrattori, il Chelsea gioca un calcio troppo speculativo e spesso fatica molto a portare a casa il risultato, come è accaduto recentemente in occasione della stentata vittoria sul campo dell’Everton FC. "Non ho nulla da dire su questo argomento - si è difeso Grant -. Sono i risultati a parlare per me. Siamo in semifinale di UEFA Champions League e sabato contenderemo il primato in campionato al Manchester United. Non credo ci sia altro da aggiungere".

'Pressione positiva'
Prima della sfida contro i Red Devils, tuttavia, Grant dovrà occuparsi del Liverpool e dalla pressione derivante dalla voglia di riscatto che anima i tifosi del Chelsea. Una situazione che al tecnico sembra non dispiacere affatto. "Questa è una pressione positiva - ha spiegato -. Firmerei per vivere ogni anno la vigilia di una semifinale. Possiamo entrare nella storia del Chelsea e il solo pensiero mi elettrizza".